Si ferma ancora Ansa.it, sciopero fino alle 7 del 29 giugno

I giornalisti dell’Ansa rilanciano il black out dell’informazione con un nuovo pesante sciopero nei notiziari (che, si badi bene, servono a tutti i media: di carta, televisivi e Internet).

“Informiamo gli utenti  dice una nota pubblicata stasera – che le trasmissioni di tutti i notiziari dell’Ansa e l’aggiornamento del sito ansa.it sono sospesi fino alle 7 di lunedì 29 giugno per uno sciopero dei giornalisti proclamato dal Cdr nell’ambito di una vertenza aziendale”. Qui sotto trovate i motivi di una forma di lotta così decisa.

Tempesta all’Agenzia più importante d’Italia: le notizie dei giorni precedenti

Tempesta in uno dei settori più importanti dell’informazione italiana. Il Cdr dell’Agenzia Ansa ha proclamato lo sciopero immediato fino alle 7 del mattino di domani, giovedì 25 giugno. L’ultimo aggiornamento è stato fatto alle 18,30 del 23 giugno.

“Il Cdr – in una nota – dichiara irricevibile il piano di riorientamento e sviluppo, presentato oggi dall’azienda, nel punto in cui per la redazione giornalistica prevede 65 esuberi da gestire dal primo luglio con un ricorso alla cigs o a contratti di solidarietà per l’emergenza di un rosso di bilancio stimato per il 2015 in 5 milioni di euro”.

Da notare che Ansa.it è uno dei quotidiani più seguiti on line in Italia.

Assemblea generale il 25 giugno

“Il Cdr convoca l’assemblea generale della redazione dell’Ansa per giovedì 25 giugno”.

“I giornalisti – prosegue la nota – dicono no ad un nuovo intervento straordinario di recupero costi che vanificherebbe i pesanti sacrifici fatti negli ultimi anni ed ogni reale prospettiva di sviluppo dell’agenzia oggi necessaria per difenderne il ruolo di cardine nel sistema dell’informazione in Italia”.

“I giornalisti dell’Agenzia dicono anche no al ricorso a contratti di solidarietà che rappresenterebbe un arretramento irreparabile in termini di qualità e copertura dell’offerta giornalistica mettendo a rischio il ruolo e la posizione di mercato di prima agenzia italiana”.

“I redattori dell’Ansa – conclude la nota – ritengono impercorribile l’apertura di un nuovo confronto mentre restano disattesi impegni legati agli accordi sindacali per il precedente stato di crisi”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto