Renzi: “Possibile un intervento sulle pensioni minime”

Forse una svolta per i pensionati più poveri. L’ha annunciate ieri, a repubblica.tv, il presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Il tema affrntato è quello delle pensioni minime: “Noi non pensiamo – aggiunge il presidente del consiglio – che la concertazione sia la coperta di Linus della quale non si può fare a meno. Se c’è siamo più contenti e se si possono fare gli accordi noi siamo qui. Non è che noi siamo ideologici, siamo pronti a farli e li abbiamo fatti come nel caso Eletrolux o Lamborgini”.

 

L’incontro tra governo e sindacati

Proprio ieri si è svolto il primo confronto al ministero del Lavoro tra governo e Cgil, Cisl e Uil sulla modifica della legge Fornero sulla previdenza e sulle politiche del lavoro.
L’incontro sulle pensioni e sulle politiche del lavoro si è svolto in un “clima molto positivo”: ha detto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti sottolineando che “il confronto prosegue con 2 distinti incontri su pensioni e politiche del lavoro”.

Il ministro ha spiegato che al momento non è entrato nel merito nè sugli interventi nè sulle risorse, ma che l’obiettivo è arrivare a soluzioni condivise.

 

aaaaaaaa-schedapensioni

La legge Fornero in quella di stabilità

Inoltre il governo interverrà per modificare la legge Fornero sulla previdenza introducendo maggiore flessibilità con la Legge di Stabilità.

Secondo Poletti “I vincoli di bilancio – ha però aggiunto il ministro – restano i nostri paletti”.

 

Camusso: “Valuteremo nel merito”

“La notizia è che oggi, dopo lungo tempo, il governo ha proposto di avviare un confronto di merito su due grandi temi: previdenza e lavoro. E’ il risultato della nostra iniziativa, innanzitutto quella sulla piattaforma delle pensioni, e di aver tenuto sempre alta la pressione. Non è una novità da poco”: ha dichiarato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso (nella foto di apertura) , al termine dell’incontro al ministero del Lavoro, spiegando che “il confronto è stato sostanzialmente sulla compilazione dell’agenda” che verrà poi discussa.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto