“Viva il 25 Aprile!”: stasera la Rai con Fazio a 70 anni dalla Liberazione (video)

Settant’anni sono passati da quel 25 aprile 1945 che pose fine alla lotta di Liberazione contro il nazifascismo e alla seconda guerra mondiale decretando l’inizio del Paese nato dalla Resistenza. Per celebrare l’anniversario, oggi in prima serata, RaiUno manda in onda Viva il 25 Aprile!, lo speciale condotto da Fabio Fazio e diretto da Cristian Biondani trasmesso dalla Piazza del Quirinale, dove “si fanno le vere feste” perché “è la piazza di tutti”.

Si parte con l’annuncio radiofonico di Pertini

Si parte con le parole del partigiano socialista che diventerà presidente della Repubblica molti anni dopo, Sandro Pertini. “Cittadini, lavoratori. Sciopero generale contro l’occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire». Era il mattino del 25 aprile 1945 quando fu scandito via radio questo annuncio dando il via all’insurrezione.

“È il compleanno della Libertà”

“Tante città erano già state liberate”, si spiega nella presentazione di “Viva il 25 Aprile!”, “altre saranno liberate o si libereranno nei giorni seguenti, ma già dall’anno successivo si festeggia il 25 aprile come data simbolo dell’anniversario della liberazione dell’Italia. Il 25 aprile, perciò, è una festa di compleanno e quest’anno ricorre il 70° compleanno della Libertà. È grazie al 25 aprile che la libertà è stata conquistata – perfino la libertà di non festeggiare la liberazione – perché da quel 25 aprile la Libertà è di tutti”.

Tra gli ospiti Pif, Saviano, Servillo e Ligabue

Sul palco, insieme a Fazio, che è anche l’ideatore della trasmissione insieme a Francesco Piccolo, Claudia Carusi, Veronica Oliva e Arnaldo Greco, sono previsti numerosi ospiti. Tra di loro Pif in collegamento dalla Sicilia, Roberto Saviano da Montecassino, Marco Paolini ed Elisabetta Salvatori da Sant’Anna di Stazzema, Antonio Albanese da Alba, i Negramaro da Milano. Poi ci saranno Toni Servillo, la staffetta partigiana Teresa Vergalli, Luciano Ligabue e Francesco De Gregori.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto