È tornata l’ora legale, avete spostato le lancette in avanti di 60 minuti?

Attenzione all’orologio perché la notte scorsa si sono spostate le lancette di tutti gli orologi di casa. Accade perché è tornata l’ora legale alle due di notte di domenica 25 marzo. Gli orologi sono avanti di un’ora. Controllate se l’avete fatto con tutti quelli di casa.

Più luce nel pomeriggio

Il risultato? Dormiremo un’ora in meno, ma avremo anche un’ora di luce in più giornate finalmente più lunghe. L’iniziale difficoltà ad alzarsi il mattino, dunque, sarà bilanciata dal ritardo con cui sopraggiungerà il buio con un beneficio, spiegano gli esperti, in termini di umore ed energia.

Aggiornamento manuale e automatico

Se avete con voi dispositivi meccanici dovrete ovviamente spostare manualmente le lancette. Potete invece dimenticarvi completamente del cambio, per smartphone, pc e tablet. Tutto sarà automatico: basterà essere connessi a internet.

I “trucchi” per superare lo stress da orario nuovo

Per chi dovesse risentire del cambio di ora, ecco i consigli degli esperti del sito MioDottore.it:

  • anticipare di circa 20 o 30 minuti il momento di coricarsi e allo stesso modo anticipare la sveglia di altrettanti minuti, in modo da dare al corpo una giusta e graduale alternanza sonno – veglia e stabilire un ritmo regolare e salutare della propria giornata;
  • non sottovalutare la qualità dell’alimentazione, evitando pasti serali abbondanti, per favorire la digestione. È opportuno consumare frutta fuori dai pasti e introdurre cibi ricchi di serotonina (come i semi di girasole, frutta secca, noci, mandorle), mentre è meglio evitare il consumo di alimenti eccitanti dopo le ore 18.00 (quali caffè, cioccolato e prodotti panificati complessi);
  • cercare di aumentare leggermente l’attività fisica, da praticare sempre in orari non serali, entro le ore 18 e mai oltre le 20;
  • evitare l'”inquinamento elettromagnetico”, allontanando dalla camera da letto cellulari, pc e tv accesi. Meglio evitare la presenza di luci, anche se fioche, in quanto il sonno deve essere conciliato e supportato da un ambiente buio;
  • l’acqua è amica del corpo ed è sempre bene prevedere una congrua idratazione, prediligendo acque a basso residuo fisso, con pochi sali minerali pesanti. L’ideale è consumarne quotidianamente almeno un buon litro al di fuori dai pasti.

I risparmi calcolati da Terna

“Terna”, spiega che, per effetto dello spostamento delle lancette degli orologi un’ora in avanti, ci sarà un minor consumo di energia elettrica pari a circa 562 milioni di kilowattora, quantitativo corrispondente al fabbisogno medio annuo di circa 200 mila famiglie.
Considerando che un kilowattora costa in media al cliente domestico tipo circa 20,62 centesimi di euro al lordo delle imposte, la stima del risparmio economico per il sistema relativo al minor consumo elettrico nel periodo di ora legale per il 2018 è pari a 116 milioni di euro.

Dal 2004 al 2017, secondo i dati elaborati da Terna, il minor consumo di elettricità per l’Italia dovuto all’ora legale è stato complessivamente di circa 8 miliardi e 540 milioni di kilowattora e ha comportato in termini economici un risparmio per i cittadini di circa 1 miliardo e 435 milioni di euro. L’ora solare verrà ripristinata nella notte tra il 27 e il 28 ottobre.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto