Neodiciottenne “paracadutata” a Brighton per 6 mesi, ma sono felice

Avete presente quegli scarabocchi apparentemente casuali che fanno i bambini appena prendono in mano una penna? Avete presente quando mettete nello stesso portagioielli tre collane e si intorcigliano (termine che non penso esista, ma rende l’idea ) formando mille nodini?

Bene, ecco, questo è il caos che regna nella mia valigia al momento, nonché nella mia testa.

Neodiciottenne da neanche una settimana mi trovo su un volo diretta a Brighton pronta (se così si può dire) per passarci i prossimi sei mesi, studiando e ospite da una famiglia inglese.

La verità é che stanno succedendo mille cose tutte in una volta: dalla festa per il mio diciottesimo compleanno, alla partenza, ai vari saluti ad amici. Se dovessi descrivere tutto ciò con una parola direi “felicità “.

Partendo dalla festa, organizzata insieme a due cari amici (anche se a livello di contributo organizzativo gli uomini non sia mai che neghino la loro fama da nullafacenti ). Alla festa erano presenti tutte le persone a cui voglio bene e mi è sembrato un sogno poterle avere tutte lì, anzi, avrei voluto che il tutto durasse dieci volte tanto per poter stare con ognuna di loro più tempo possibile.

Passando poi alle serate in giro per piccoli violetti bolognesi con una chitarra e qualche amico a cantare, arrivando al giorno stesso del mio compleanno pieno di emozioni e gesti d’amore da parte di ognuno. Dalla colazione con candeline inaspettate, ad una cara amica neo patentata che, pur di portarmi sui colli bolognesi a fare un massaggio in una spa che dire fighetta è riduttivo, si è cimentata in una di quelle strade collinari tutte in salita e piene di curve paurose. Mi chiedo ancora oggi come abbiamo fatto ad arrivare su vive.

Insomma la confusione e gli interrogativi sono parecchi così come la sensazione di paura in sottofondo. Sicuramente, però, parto per l’Inghilterra contenta e fiera delle persone che mi circondano ogni giorno ( cosa che renderà’ ancora più’ difficile trovarne di altrettanto belle la’ , ma sono fiduciosa).

Vi tengo aggiornati.

 

P.S. La foto di Alice che vedete qui sopra le è stata “rubata” – oviamente a sua insaputa – prima della festa dei diciottanni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto