Tempo di carote e di legumi: 4 ricette per difendersi dall’influenza

La stagione delle influenze è già iniziata. È bene sapere che l’alimentazione – in prima linea frutta e verdura di stagione – gioca un ruolo fondamentale nel nostro benessere; anche quando si tratta di prevenire o combattere virus influenzali e malattie da raffreddamento. Abbiamo scelto per voi 4 ricette utili a tal fine, da scegliere ciascuna sempre bilanciando fra loro proteine, carboidrati e grassi.

Legumi: la zuppa di legumi

Per 4 porzioni occorrono: 50 gr di lenticchie, 50 gr di piselli, 50 gr di fagioli (tipo borlotti), 50 gr di cicerchie, 50 gr di fave. La sera prima i legumi vengono messi in ammollo in abbondante acqua salata. Il giorno successivo, dopo aver scolato l’acqua, i legumi vengono inseriti in una pentola e insaporiti con olio e sale. Dopo averli coperti di acqua, vengono fatti cuocere – mescolando di tanto in tanto – per circa 2 ore e mezzo, prima di servire il piatto insaporito con olio di oliva a crudo. Il tempo di cottura può essere notevolmente ridotto se si utilizza la pentola a pressione.

a-involtini

Pesce: involtini di salmone, zucchine e zenzero

Per 4 porzioni occorrono: 4 fettine sottili di salmone, 5 zucchine, qualche filo d’erba cipollina, 1 pezzo di radice di zenzero fresco, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, la buccia grattugiata di un limone, pepe, olio e sale q.b.. Si tagliano a julienne le zucchine nella parte verde, quindi le si mescolano in un piatto con lo zenzero, l’erba cipollina e il prezzemolo tritati, mezzo cucchiaino di buccia di limone grattugiata, 3 cucchiai di olio, pepe e sale. L’amalgama così ottenuta viene stesa sulle fettine di salmone che vengono quindi arrotolate e fermate con uno stuzzicadenti. Gli involtini così ottenuti vengono poi spennellati di olio e fatti cuocere per 10 minuti, rigirandoli un paio di volte, fino a ottenere una doratura uniforme. Gli involtini vengono infine serviti su un letto di lattuga.

Agrumi: la tisana

Ingredienti per una tazza: miele q.b. per dolcificare, 2 scorze di buccia di mandarino, 2 scorze di buccia di arancia. Il mandarino e l’arancia vengono pelati, meglio se con l’ausilio di un pelapatate. Le bucce vengono fatte bollire in un pentolino per circa 5 minuti, le si lascia poi riposare a fuoco spento per 5 minuti. In ultimo si filtra la tisana e la si serve calda e dolcificata con il miele.

a-carote

Carota e mandorle: la torta di carote

Per una tortiera di diametro di 24 cm occorrono: 150 gr di farina tipo 00, 300 gr di carote grattugiate (precedentemente spuntate, lavate e pelate), 3 uova intere, 1 albume, 150 gr di mandorle pelate, 90 gr di olio di semi, 1 bustina di vanillina, 1 bustina di lievito per dolci, 100 gr di zucchero semolato, 70 gr di zucchero di canna, 1 pizzico di sale, zucchero a velo quanto basta per spolverizzare in ultimo. In un robot si polverizzano le mandorle insieme a un cucchiaio di zucchero di canna, quindi si aggiungono la farina, il lievito, sale e vanillina; disponendo il tutto in una terrina.

Nel robot si lavorano le uova intere con gli zuccheri restanti, aggiungendo istantaneamente l’olio a filo; fino a ottenere un composto spumoso. Si uniscono quindi le carote grattugiate e si mescola con una spatola, dal basso verso l’alto.

Si uniscono in ultimo gli altri ingredienti secchi e si amalgama ancora. L’impasto così ottenuto viene versato in uno stampo unto o foderato con carta da forno: si cuoce nel forno preriscaldato, per 30 minuti a 180 gradi, abbassando poi la temperatura a 170 gradi e proseguento la cottura per altri 10 minuti. Una volta cotta, la torta viene lasciata nel forno spento a sportello chiuso per circa 8 minuti, quindi viene sfornata e lasciata completamente raffreddare. In ultimo vi si sponverizza sulla superficie lo zucchero a velo, quindi la si serve.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto