Napoli: presa mantide che seduceva gli uomini, li stordiva e li rapinava

Seduceva uomini soli nei pressi della stazione centrale di Napoli e, dopo essersi appartata, li riduceva in stato di incoscienza per derubarli. Agiva così K.B., una donna georgiana di 31 anni che di notte realizzava i suoi intenti criminali utilizzando sempre lo stesso modus operandi. Sfruttando la sua bellezza, la mantide avvicinava le sue vittime con la scusa di chiedere una sigaretta.

La bibita “corretta”

Adattando il copione alla situazione del momento, poi, riusciva a conquistare la fiducia del malcapitato che accettava una bevanda che gli veniva offerta e che era stata “corretta” con benzodiazepine, sostanze sedativo-ipnotiche appartenenti alla classe degli psicofarmaci che, somministrate in dosi elevate, inducono un sonno immediato e profondo.

Le indagini

L’indagine condotta dal personale del compartimento di polizia ferroviaria per la Campania è stata avviata dopo l’acquisizione di alcune denunce per rapina che presentavano identiche modalità. I poliziotti della Polfer hanno quindi individuato la donna che corrispondeva alla descrizione fatta dai denuncianti. Accompagnata presso gli uffici del compartimento, la donna, a carico della quale sono emersi numerosi precedenti specifici, veniva riconosciuta senza ombra di dubbio dalle vittime delle rapine.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto