Lo sfogo di Vettel contro la Pirelli: “Quella gomma poteva uccidermi”

Pirelli sotto accusa dopo il Gran premio del Belgio. Venerdì è scoppiata una gomma alla Mercedes di Nico Rosberg a oltre 300 chilometri l’ora, ieri quella di Vettel a 11 chilometri dal traguardo. Se il pilota tedesco della Mercedes ieri mattina era decisamente scettico sulle spiegazioni ufficiali (anzi, non spiegazioni della Pirelli) il ferrarista è a dir poco infuriato dopo la gara di Spa.

aaavetteladdetta

Vettel – cha alla fine ha saltato l’incontro con la stampa – “era scioccato – dice la sua addetta stampa Britta Roeske (con lui nella foto) – perché se succedeva pochi secondi prima sbatteva a 300 orari”. Poi, per chi non avesse capito, spiega che il suo pilota è inferocito per lo scoppio della gomma: “Chiariamo subito: una cosa è la competizione dove meritavamo il 3° posto e non ci siamo riusciti, ma fa parte delle gare e un’altra cosa è che ti scoppia una gomma senza preavviso – dice suo tramite Sebastian -. Se fosse successo 200 metri prima non sarei qui, ma sarei finito contro le barriere a 300 e questo non va bene. Non ci sono spiegazioni per quello che è successo, deve essere accaduto qualcosa che non è stato evidenziato a sufficienza: non sono uscito di pista, non c’è stata foratura, ma la gomma è esplosa. È un enorme guasto che non dovrebbe succedere e come ha detto Nico (Rosberg, che ha subito un’identica esplosione venerdì, ndr) così non è sicuro. Se mi aspetto spiegazioni dalla Pirelli? Meglio che io non dica nulla..”.

 

Vettel aveva sfiorato l’impresa

Vettel sfiora l’impresa, tentando di salire sul podio con una sola sosta, ma a due giri dalla fine – braccato dalla Lotus di Grosjan – la ruota posteriore destra cede e la gomma, troppo usurata, scoppia. La Ferrari era a undici chilometri dal traguardo, ma Sebastian è stato molto fortunato, perché in un altro punto la foratura di Vettel poteva risultare mortalmente pericolosa.

Maurizio Arrivabene, team manager delle rosse, rivendica la scelta di una sosta sola fatta per Vettel e elogia anche Kimi che ha risalito tante posizioni rispetto alla partenza.

Una scelta strategica che avrebbe dato grandi onori al box Ferrari in caso di terzo posto, ma che si rivela alla fine suicida. Vince Hamilton, davanti a Rosberg, terzo Grosjean, che dalle qualifiche ha mostrato di gradire la pista di Spa.

aaaalewiss

La Ferrari rientra ai box spinta a mano e viene classificata al 12° posto. Kimi Raikkonen chiude, invece, al 7° posto. Era partito dal 16°.

 

La virtual safety car al 21° giro

Si spegne la Red Bull di Riccardo al 21° giro, quindi quasi a metà gara. I giri del Gran premio del Belgio sono 43 in tutto. La corsa ora è apertissima, anche perché legata alla sarabanda dei cambi gomme. Sebastian Vettel con la Ferrari è ora in provvisoria terza posizione. In testa c’è la Mercedes di Lewis Hamilton dall’inizio, al secondo c’è l’altra Mercedes di Rosberg, anche se Lewis ha protestato con il suo box perché – seocndo lui – Nico ha guadagnato troppo in regime di virtuale safety car.

Intanto vola anche la Lotus di Grosjean, sempre in lotta con i primi. Ma Vettel  ha deciso di provare a tenere il terzo posto con una sosta sola. sarebbe un colpo di scena incredibile la conquista del terzo posto con la stessa gomma dopo il primo pit stop. La decisione è stata resa nota a 7 giri dalla fine. Ora la Lotus di Grosjean sta tirando a tutta. Ma Vettel è partito dal 9° posto.

 

Errore sulla macchina di Bottas

Incredibile errore della Williams anche sulla macchina di Bottas, che è stata fatta partire con tre pneumatici di un tipo e il quarto di un altro. Tutto risolto con una multa, ma la procedura non è consentita.

 

La partenza con Hamilton in Pole

Oggi il Gran premio del Belgio vede la Mercedes di Hamilton partire in Pole, seguita dall’altra Mercedes di Rosberg. Al terzo posto partirà la Williams di Valteri Bottas, il mancato pilota di Maranello, che ha preferito riconfermare Kimi Raikkonen (nella foto in basso). Al quarto posto la velocissima Force India guidata da Perez. Si parte senza aiuti elettronici dai tecnici ai box. Problemi in partenza per Hulkernberg. Giro di assestamento supplementare. Partirà dai box il pilota che occupava l’11° posto in griglia? Anche Seinz ha problemi. Partiva dal 10° posto in griglia.

 

Vettel ieri era ancora fiducioso

Possibili sorprese per il podio. Vettel nega che si possa parlare di “sabato nero” e ha dato appuntamento ai tifosi della rossa per oggi. La sua fiducia forse è eccessiva, rispetto a quello che si è visto. Ma del terzo al 9° posto ci sono tante vettire divise da soli due decimi. Quindi si decide tutto durante la corsa. Il Gran premio del Belgio sarà trasmesso da Sky in diretta alle 14. Ulteriore penalizzazione per Kimi Raikkonen: partirà 16° per le riparazioni apportate al motore. Questa Formula 1 comincia a essere troppo piena di regole assurde.

aaaaakimi

Pessima la prestazione finale di Sebastian Vettel, che aveva fatto sperare molto di più. Partirà ottavo, doveva essere 9° ma sfrutta una penalizzazione di Grosjean. Davvero un week end terribile per la Ferrari, che pure aveva portato a Spa soluzioni nuove.

Vettel era stato a lungo terzo nelle qualifiche. Non si sa cosa è successo nell’ultimo giro delle qualifiche.

 

La sfortuna di Raikkonen

Ancora la sfortuna di Raikkonen, che a metà della seconda manche per le qualifiche ha dovuto accostare a destra sulla pista di Spa con un terribile rumore di ferraglia. Al momento dello stop Raikkonen era nono, ma – stando così le cose – dovrebbe partire domani dal 14° posto. La rossa aveva una Power Unit nuova e si sperava in un netto miglioramento delle prestazioni, invece Kimi ha dovuto fermarsi. Per lui niente Q3. A quanto si è saputo il cambio della sua Ferrari si è bloccato sulla quinta marcia, ma non si sa perché. Neppure Kimi riesce a spiegare a Mara Sangiorgio di Sky Formula 1 perché la sua rossa si è fermata.

Raikkonen si affida alle analisi dei tecnici della squadra e non si sbilancia sulle cause dello stop.

 

Ricciardo bravo nelle terze libere

Terze libere positive per Ricciardo (nella foto in alto) e la Red Bull e i due piloti della Ferrari, mentre a lungo – stranamente – sono rimaste indietro le Mercedes. Raikkonen, che ha appena firmato il nuovo contratto con la rossa, è  apparso particolarmente dterminato. Oltretutto Spa è il “suo” circuito, visto che qui ha vinto 4 Gran premi.

Le terze libere, comunque, si concludono con Hamilton al primo posto, Rosberg al secondo, Vettel al terzo, molto vicino al pilota tedesco dlela Mercedes e Raikkonen al quarto. La sfida per la Pole confermerà questa sequenza?

Ma le libere non sono indicative

Ma le libere non sono mai indicative, perché sono troppe le variabili. Intanto, dopo il grande spavento di ieri per Nico Rosberg nel corso della seconde prove libere del Gp di Formula 1, in Belgio, oggi è il giorno della Pole (alle 14 diretta solo su Sky Formula1).

La foto in basso mostra come era ridotta ieir la Mercedes di Rosberg: all’uscita di una curva la gomma posteriore è esplosa improvvisamente, mentre viaggiava vicino ai 300 km orari. Il pilota è stato bravo e fortunato a controllare la traiettoria della vettura, riuscendo a fermarsi senza entrare in collisione con le barriere.

aaaamercedes

I tecnici della Pirelli sulla pista

I tecnici dlela Pirelli hanno percorso metro a metro tutti i 7 chilometri della pista di Spa. La conclusione della Pirelli è che la colpa dell’incidente è di un “taglio esterno” della gomma, forse per un cordolo o per un altro elemento estraneo allo pneumativo.

Il commento di Rosberg

“È stato abbastanza scioccante, perdere a 306 km all’ora il controllo della vettura”: non ha nascosto il suo spavento per l’incidente Nico Rosberg per l’improvviso scoppio del pneumatico posteriore destro sul finire delle prove libere del Gp del Belgio.

”Non è bello, è stato brutto, non sappiamo cosa sia successo, ma si vede in tv che all’inizio del giro la gomma si stava rompendo. Poi – ha aggiunto Rosberg ai microfoni di Sky – vi faccio sapere stasera”. Invece anche oggi non ci sono risposte precise sullo scoppio.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto