Rimini: ragazza morta di overdose, arrestati i 3 pusher grazie a una telecamera

Sono stati arrestati dalla polizia i tre presunti pusher che avrebbero venduto la dose di eroina letale a Elisabetta Leo, una ragazza di 27 anni, madre di un bambino di 2 anni, trovata morta venerdì scorso nel bagno di un bar a Rimini.

L’indagine è andata a buon fine grazie alle telecamere, che hanno individuato l’uomo che ha accompagnato Elisabetta all’ingresso del locale. Poi si sarebbe allontano dal bar prima del ritrovamento del cadavere.

 

Due napoletani e un magrebino

Gli arrestati sarebbero due napoletani residenti a Rimini e un magrebino. Sono stati individuati dalla squadra mobile, tra venerdì sera e sabato mattina, grazie alle tv a circuito chiuso del locale e sono ora detenuti nel carcere dei Casetti a Rimini in attesa della convalida del gip questa mattina.

Uno dei tre si è presentato dai carabinieri

Secondo quanto si appreso, l’uomo si sarebbe poi presentato in una caserma dai carabinieri, sentendosi braccato agli investigatori della polizia che l’avevano cercato a casa. Vi sarebbe anche stata una perquisizione, durante la quale la polizia ha trovato un quantitativo di eroina, circa cento grammi che ora sarà confrontato con quelli trovato alla donna deceduta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto