Dl Giustizia: il governo incassa il Sì alla fiducia

La Camera conferma la fiducia al governo sul dl Giustizia con 305 voti a favore, 232 contrari e due astenuti.
L’Assemblea passa ora all’esame degli ordini del giorno al testo. Al voto finale, secondo accordi informali tra i gruppi parlamentari, si dovrebbe arrivare domani nel primo pomeriggio.

La richiesta del voto di fiducia era stata presentata nell’Aula di Montecitorio dal ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà.  I capigruppo avevano deciso che la votazione avrebbe avuto inizio alle 16, dopo il question time.

 

Posta la questione di fiducia

 

Il governo pone alla Camera la questione di fiducia sul dl Giustizia, nel testo approvato dal Senato lo scorso 17 giugno. Lo annuncia all’assemblea di Montecitorio il ministro per i Rapporti con il parlamento Federico D’Incà. I capigruppo hanno deciso che la votazione avrà inizio alle 16, dopo il question time. Le dichiarazioni di voto cominceranno dalle 13.30.

Il contenuto della riforma

Il testo era stato approvato dal Senato con 154 voti a favore, 129 contrari e 2 astenuti. Il decreto riguarda la riforma delle intercettazioni, le disposizioni sulle scarcerazioni per emergenza Covid-19 e i processi, oltre alle norme sulla App Immuni per il tracciamento dei contagi da coronavirus.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto