210 milioni per i lavori a Buckingham Palace ed Elisabetta deve traslocare

Anche i reali sono costretti a traslocare a causa della ristrutturazione delle loro dimore. È la prospettiva a 89 anni suonati che si paventa per la regina Elisabetta per via dei lavori a Buckingham Palace, costruito nel 1826 dall’architetto Jonh Nash, e lo stesso si prospetta per l’anziano marito Filippo e per 2 dei suoi figli, Andrea, duca di York, ed Edoardo, conte di Wessex. La residenza futura, dunque, potrebbe essere il castello di Windsor, a 40 chilometri da Londra. E sarebbe la prima volta che si verifica un evento del genere dal 1837, quando toccò alla regina Vittoria.

Il preventivo di spesa fermo a 2 anni fa

Un preventivo di 150 milioni di sterline (210 milioni di euro) quello che, secondo la Bbc, è stato presentato alla famiglia reale già 2 anni fa. La cifra comprende il rifacimento dell’impianto elettrico, un radicale riassesto delle strutture idrauliche, la rimozione dell’amianto ancora presente e la tinteggiatura degli ambienti che, dal 1952, anno della salita al trovo di Elisabetta, non vengono rinfrescati.

Sir Reid: “Una grande sfida economica”

“Nei prossimi anni, la manutenzione delle proprietà reali e in particolare di Buckingham Palace rappresenterà una grande sfida economica”, ha detto sir Alan Reid, responsabile delle finanze private reali. “Tuttavia continueremo a lavorare a stretto contatto con i membri del consiglio di amministrazione per fare in modo che i fondi della famiglia reale sostengano questa sfida”.

Il carico sui contribuenti britannici

La ricaduta economica degli interventi alla residenza londinese della famiglia reale sarà sui contribuenti britannici, che già oggi pagano ogni anno 35,7 milioni di sterline (56 pence a suddito, circa 80 centesimi di euro). Buckingham Palace riceve un finanziamento pubblico che gli consente di coprire le spese, la maggior parte delle quali derivanti dal personale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto