La scienza scopre la Fodmap: la dieta che sgonfia la pancia dopo un mese

La pancia gonfia? Tutta colpa dei fagioli, e non solo. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università la Sapienza e presentato all’Expo esiste una lista di alimenti “nemici” della pancia piatta, denominati Fodmap (da Fermentable Oligo-di and Mono-saccharides, And Polyols).
Ne fanno parte i nutrienti contenenti oligosaccaridi, come i legumi, alcune verdure (carciofi, broccoli, aglio), frutti come cachi e anguria , ma anche mele, pere, pesche, mango. E ancora: cereali (frumento e segale), fruttosio, lattosio , e infine i polioli contenuti in alcuni frutti (come ciliegie, susine), verdure (come cavolfiori, funghi) e dolcificanti (mannitolo, sorbitolo e xilitolo).

 

FODMAP_edited-11-716x1024Fino al 40% di gonfiore in meno
Da qui i ricercatori hanno elaborato una “dieta” Fodmap,  e l’hanno sottoposta cioè  a un rigoroso studio clinico, con tanto di volontari, e presentata alla “Digestive Disease Week” di Washington.
I volontari sono stati divisi in due gruppi, di cui solo il primo ha seguito una dieta “anti -pancia”. Dopo un mese di questo regime alimentare, coloro che hanno avuto un’alimentazione priva di alimenti FODMAP, hanno registrato in media una diminuzione del gonfiore sul giro vita del 40%, che è arrivata al 66% dopo 16 mesi (Qui la tabella con l’elenco dei cibi da evitare).

 

Indicata per tutti coloro che hanno il colon irritabile
Il dolore addominale era diminuito del 40% già dopo un mese e la sua percezione era più che dimezzata anche dopo 16 mesi.
“Abbiamo sottoposto a questa dieta più di un centinaio di persone. Tuttavia lo studio ne ha prese in considerazione 75 di entrambi i generi, e seguite per un periodo medio eccezionalmente lungo per questo tipo di studi: oltre 2 anni in media – ha spiegato il primo firmatario dello studio, il gastroenterologo Stefano  Corazziari. “Lo studio è stato condotto su persone con intestino irritabile ma la dieta è consigliabile per tutti coloro che hanno problemi di pancia gonfia”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto