Nubifragi domani dal Nord al Centro: allerta gialla in 8 regioni

Ancora maltempo su tutta l’Italia e dunque anche sul 25 aprile, Festa della Liberazione. Nei prossimi giorni, infatti, sulla penisola sono previste forte perturbazioni con serio rischio di freddo e temporali. Otto regioni hanno diramato l’allerta gialla: Liguria, gran parte del Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, alcuni bacini del Veneto e della Toscana, Umbria e Lazio.

Già in corso precipitazioni

Secondo gli esperti del sito IlMeteo.it sono possibili forti acquazzoni e nubifragi sui rilievi alpini e prealpini del Nord-Ovest e verso sera anche sulle aree orientali. Il tempo risulterà spiccatamente instabile sulle regioni centrali con piogge sparse, qualche rovescio temporalesco e locali grandinate. Le cose andranno meglio all’estremo Sud, mentre si potranno avere piovaschi su zone interne della Campania e settori settentrionali di Puglia e Basilicata.

Temperature in calo

Un calo delle temperature si registrerà in particolare sulle aree settentrionali. Si avrà un contesto meteorologico migliore al Sud con parecchie schiarite e clima molto caldo seppur in un contesto assai ventoso. Domani, invece, piogge imperverseranno sulle Alpi e medie e alte pianure del nord del Veneto e della Lombardia e sulle Alpi con neve a 1.600 metri, ed in seguito è atteso pure un peggioramento in Piemonte.

Domani il peggio

Ma la giornata in cui l’Italia sarà stretta dalla morsa del maltempo sarà quella del 25 aprile a causa di un vortice ciclonico alimentato dalle correnti atlantiche ricche di umidità, che provocherà un tempo spesso instabile o addirittura perturbato e con temporali in estensione anche al Centro. Previsti piogge e fenomeni temporaleschi.

Migliora nel weekend

Nei giorni successivi, inoltre, il maltempo colpirà ancora il Centro-Nord, mentre il clima sarà più gradevole e soleggiato al Sud. Se tutto verrà confermato, nel corso del prossimo weekend, lo scenario meteo potrebbe lentamente tornare tranquillo su tutto il Paese, con le ultime piogge

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto