Al Loreto Mare 55 arresti tra medici e impiegati, uno faceva lo chef

Il primo a lanciare la notizia, all’alba di oggi, è stato Il Mattino di Napoli. Il quotidiano partenopeo ha lanciato una notizia che, per le sue dimensioni, ha del clamoroso. 

Un neurologo, un ginecologo, 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, 6 impiegati amministrativi, 9 tecnici manutentori e 11 operatori sociosanitari, in tutto ben 55 persone, dipendenti dall’ospedale Loreto Mare di Napoli, questa mattina sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Alcuni di loro giocavano a tennis anziché lavorare, un altro faceva addirittura lo chef durante l’orario di lavoro.

L’indagine è durata 2 anni

L’indagine è durata due anni. Ore e ore di filmati e intercettazioni e oltre 500 servizi di osservazione e pedinamento hanno portato all’accertamento di migliaia di episodi di assenteismo da parte di 94 dipendenti del grande ospedale napoletano.

 

Tutto documentato dalle telecamere
I carabinieri del gruppo Tutela Salute e del Nas di Napoli hanno piazzato nel nosocomio telecamere che hanno immortalato i comportamenti illeciti da cui sono conseguiti i provvedimenti restrittivi per truffa ai danni di Ente pubblico e falsa attestazione di presenza.

Sin dall’inizio dell’indagine è emersa una prassi consolidata consistente nella “strisciatura plurima” dei badge ad opera di persone che facevano risultare ingresso e presenza nel nosocomio di colleghi assenti e impegnati altrove.

Assenti anche i dipendenti dei controlli

I controlli sul posto hanno fatto emergere anche l’assenza di dipendenti dell’Ufficio rilevazioni presenze e assenze, cioè di coloro che avrebbero dovuto assicurare i controlli per il rispetto delle clausole contrattuali.

 

E uno faceva pure lo chef…

E c’è anche quella che si può definire una curiosità: un dipendente di quell’Ufficio che aveva il compito di controllare i colleghi, in orario di servizio, andava a fare lo chef in una struttura alberghiera del nolano.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto