L’Italia ribadisce: “No al mais Ogm”

Sprint dell’Italia contro gli Ogm. Il nostro paese, con un decreto dei ministri della Salute, Beatrice Lorenzin, delle politiche agricole, Maurizio Martina e dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, sancisce il divieto di coltivazione di mais Ogm MON810 e proroga, per un periodo di ulteriori 18 mesi dalla sua entrata in vigore, lo stop del decreto interministeriale del 12 luglio 2013 in scadenza.

La decisione anticipa il recepimento in Italia della nuova Direttiva in materia di Ogm che sancisce il diritto degli Stati Membri di limitare o proibire la coltivazione di organismi geneticamente modificati (Ogm) sul territorio nazionale. Il mais proibito è della multinazionale Monsanto, già al centro di numerose polemiche.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto