Lucia Annibali, la Cassazione: “Varani non si è mai pentito

Ieri sera la fiction di Rai1 dedicata a Lucia Annibali e alle imprese nefaste del suo ex fidanzato Luca Varani.

Oggi diventano pubbliche le motivazioni con cui la Cassazione he reso esplicite le motivazioni con cui ha ribadito i 20 anni di carcere a cui l’imputato è stato condannato.

“Le lesioni inferte a Lucia Annibali, sfregiata al volto con l’acido – sottolinea la sentenza – erano tanto gravi da mettere in ‘pericolo la sua vita’. La stessa scelta di colpirla con l’acido, e anche il ‘regime di vita, l’assunzione di stupefacenti, la condotta processuale e l’assenza di pentimento’ hanno portato i giudici ad emettere una pena così alta”. Lo scrive la Corte nelle motivazioni della sentenza con cui, il 10 maggio scorso, ha condannato in via definitiva l’ex fidanzato di Lucia, Luca Varani, a 20 anni per tentato omicidio e stalking.

Nella foto sotto, Luca Varani in una puntata di “Storie maledette”.

a-annibalifidanzato

Quasi 5 milioni di telespettatori il 22 novembre

Share del 17,5% con 4.716.000 spettatori. È il risultato che ieri sera, martedì 22 novembre, ha raccolto “Io ci sono”, la fiction di Rai1 sulla storia di Lucia Annibali, l’avvocatessa fatta sfregiare con l’acido dall’ex fidanzato. Secondo posto per il film diretto da Luciano Manuzzi che, nonostante il buon risultato, è stato sorpassato da Canale 5 dove è andata in onda la partita di Champions League Siviglia-Juventus: 6.269.000 coloro che si sono messi davanti al video per il match facendo registrare uno share del 22,4%. Infine su Rai2 la trasmissione Stasera CasaMika ha raccolto 2.496.000 spettatori (10,4% di share).

Rai1, alle 21 la fiction su Lucia Annibali fatta sfregiare dall’ex fidanzato (video), le notizie del 22 novembre 2016

Andrà in onda in prima serata su Rai1 stasera, martedì 22 novembre, il film “Io ci sono” di Luciano Manuzzi. La protagonista è Cristiana Capotondi e interpreta Lucia Annibali, l’avvocatessa fatta sfregiare con l’acido dall’ex, Luca Varani, condannato a 20 anni, e autrice con la giornalista Giusi Fasano dell’omonimo libro che racconta di un amore malato, anzi di una “storia di non amore”, come si legge nel sottotitolo del volume.

“Ho ripreso in mano la mia vita”

Sono stati necessari finora 18 interventi chirurgici per riacquistare la funzionalità del volto devastato la sera del 16 aprile 2013. “Ho ripreso in mano la mia vita lì”, ha detto Lucia Annibali intervistata con Cristiana Capotondi a Domenica in. “Il mio futuro lo vedo in costruzione”, ha aggiunto. “Adesso è un bellissimo presente per me, che è dato anche dal lavoro che svolgo: sono una donna che si è reinserita nella società, ho questa collaborazione all’interno del Dipartimento per le Pari opportunità. E questo è solo l’inizio”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto