Castrovillari, falsi corsi per operatori sanitari: si suicida una vittima della truffa

Uno dei giovani che avevano partecipato ai corsi per operatore sanitario rivelatisi finti, per i quali i carabinieri del Nas hanno arrestato stamattina sei persone, si é suicidato quando si é reso conto di essere stato vittima di una truffa.

A rivelarlo, nel corso della conferenza stampa sull’operazione di stamattina, é stato il colonnello Vincenzo Maresca, comandante dei Nas di Napoli. “Il giovane, disoccupato da anni – ha aggiunto Maresca – é stato sopraffatto dalla disperazione”.
Sulla vicenda il Procuratore della Repubblica di Castrovillari, Eugenio Facciolla, durante la stessa conferenza stampa, ha detto che “le indagini sono ancora in corso. Stiamo verificando anche l’ipotesi di un’istigazione al suicidio. La morte del giovane risale ad un’epoca antecedente l’avvio delle indagini. Stiamo approfondendo e verificando tutto, comunque”.

I carabinieri del Nas hanno condotto un’operazione per l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Castrovillari, su richiesta della procura della Repubblica, nei confronti di 6 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al falso.

Sequestrati centinaia di titoli

Le persone coinvolte nell’operazione, secondo quanto è emerso dalle indagini dei carabinieri del Nas di Cosenza, avrebbero organizzato numerosi finti corsi per operatore socio-sanitario ed operatore socio-sanitario con formazione complementare. Nell’ambito dell’operazione sono stati anche sequestrati centinaia di titoli professionali ottenuti, secondo l’accusa, illegalmente e seicentomila euro provento, stando sempre all’accusa, dell’attività illecita.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto