Marino non s’arrende: “Primarie del Pd? Potrei esserci”

Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, non getta la spugna. Anzi! Se si tornasse al voto e “se si faranno le primarie nel Pd” per scegliere il candidato sindaco per Roma, “è possibile che ci sia anche io”: cosi il primo cittadino dimissionario Ignazio Marino in un’intervista pubblicata oggi da La Repubblica.

 

Ancora 20 giorni, potrei anche ritirare le dimissioni

A 11 giorni dalle sue dimissioni, Marino prende ancora tempo e opensa di poter giocare ancora la sua partita personale: “La legge mi dà 20 giorni per verificare se la mia esperienza è davvero finita o se ci sono le condizioni per rispettare il partito che mi ha eletto alle primarie col 52%, parlo del Pd e di Sel, e al ballottaggio col 64%”.

 

Mai usato denaro pubblico per me stesso

E ribadisce: “Non ho mai, ripeto mai, usato denaro pubblico a fini privati. Mi sono dimesso – spiega Marino – perché volevo andare dai magistrati senza alcuna protezione formale”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto