Yoga a 40 gradi: è la Bikram, bellezza

“Da questo momento il vostro obiettivo sarà uno solo: rimanere in questa stanza per i prossimi 90 minuti. Forse qualcuno di voi vorrà scappare a un certo punto. Qualcuno altro penserà aiuto non ce la faccio. Ma per favore resistete. Potrete sempre fermarvi per un momento. Sedervi per terra. Anche stendervi sul tappetino con gli occhi chiusi. Ma please, non uscite dalla sala” .

Un caldo asfissiante
Come inizio non è per niente rassicurante. Dentro la sala c’è un caldo asfissiante, 39 gradi almeno. Le finestre sono chiuse. La porta ormai serrata. E sul soffitto c’è un termoconvettore che continua a sputare aria calda, manco fosse il Ghibli nel deserto del Sahara. Eppure la gente paga (e neanche pochissimo) per tutto questo.

Questo è il Bikram bellezza
Perché questo è il Bikram Yoga, bellezza. L’ attività fisica del momento che sta conquistando milioni di appassionati in tutto il mondo. Italia compresa.
La lezione in questione si sta tenendo nell’Hot Yoga Bologna, una palestra in un quartiere residenziale della città.

Fiona, bellissima e bionda

Lei, l’istruttrice Fiona Greene è bellissima. Bionda, occhi verdi, flessuosa. Persino divertente. Fiona arriva dalle Haway  è sbarcata a Bologna per una serie di coincidenze della vita. E adesso è qui che incita  “Inspirare , espirare, mantenete la posizione, buttate fuori  le tossine”. A vederla, è la prova vivente che, a quanto pare,  il Bikram Yoga funziona.

 

Chiamatelo anche Hot, se volete

Ma cos’è il Bikram Yoga o Hot Yoga? Semplicemente  90 minuti continuati di yoga. Praticato però in un ambiente caldo  (e.. beh,  questo è un eufemismo). Diciamo pure caldissimo: intorno ai 40 gradi.  Così i muscoli non hanno bisogno di riscaldamento prima di cominciare lo sforzo e lavorano meglio. Il calore aiuta a sciogliere muscoli, legamenti e tensioni. E ad espellere tossine.

Le lezioni sono tutte uguali. La puoi fare oggi pomeriggio a Milano, fra una settimana a New York o  fra tre mesi a Bangkok, la sequenza –  e addirittura le stesse parole pronunciate dall’insegnante – saranno sempre quelle.

 

26 posizioni in 90 minuti

In 90 minuti si esegue una serie di 26 posizioni. Più due savasana  (respirazioni) finali. Non una di più. Non una di meno. In quel preciso ordine.
In questo momento, nella sala di Bologna la maggior parte degli allievi sono donne. Indossano piccoli top e calzoncini.  O i due pezzi tipo le atlete della corsa.  A parte due ragazze un po’ più in carne che hanno tshirt e i pantaloni della tuta. Gli uomini, in minoranza, sono praticamente in costume da bagno.

 

Tutti bagnati come pulcini

Tutti però sono a piedi scalzi. E tutti bagnati come pulcini per il caldo e il sudore.
L’inventore di quello che si sta dimostrando un business planetario, lo hot yoga appunto, è mister Bikram Choudhury,  un signore smagliante e in super forma nato a Calcutta, classe 1946. A tre anni già faceva la posizione dell’albero. A cinque anni, praticamente un nanetto, andava a lezione dal fratello della star Paramahansa Yogananda (l’autore di “Autobiografia di uno Yogi”).

 

Un ginocchio spappolato

A 14 anni vinceva per tre anni di seguito i campionati nazionali di yoga.

E a 17 anni si  spappolò un ginocchio, sollevando dei pesi. Beh, fu la sua fortuna. Per dimostrare ai medici che avevano torto (“spiacenti,  caro Bikram, ma scordati di poter usare di nuovo questa gamba), il ragazzo arrivò a ideare una sequenza di yoga da fare al caldo (glielo aveva suggerito l’antico maestro). Come andarono le cose lo sappiamo tutti.  “Il medico di allora è morto – ridacchia lui – io sono guarito”. Ed è diventato milionario. Gli esercii alla fine sono i classici millenari dello yoga. E’ la sequenza ora brevettata che è speciale, insieme al particolare del calore.

 

“Datemi 30 giorni e vi cambierò il corpo”

La sua frase famosa: datemi trenta giorni e cambierò il vostro corpo. Datemi tre mesi e cambierò la vostra vita. Dieci e lode in marketing. Altro suo motto: non importa che tu abbia  9 o 99 anni, grasso o magro, allenato o no, il bikram ti aiuterà.  Vantaggi? Allunga la colonna vertebrale che con gli anni e la sedentarietà si incurva sempre di più, riequilibra gli organi interni, potenzia il tono muscolare, rilassa la mente.
Certo, per chi comincia l’impatto è forte.

 

Un esercizio mistico?

Dopo 90 minuti di “tortura”, difficile distinguere se si è compiuta un’attività fisica o un’esperienza mistica. Ma poi ci si abitua. E ti prende.

“Il consiglio – dice Fiona – è di procedere con lentezza. Non importa se esegui il 20% di quello che richiede l’esercizio.  Se all’inizio quel piegamento o  quella flessione non ti riesce. Fai quel che puoi. L’importante è dare il tuo 100%.

 

Due settimane in prova a 35 euro

I costi. Molte palestre offrono due settimane di prova a 35 euro. Poi  una lezione costa sui 15 euro, dipende dagli abbonamenti.
E se la palestra non c’è?  Chi non abita in una grande città e non ha la possibilità di iscriversi in un centro Bikram, può anche fare da sé, spiega lo stesso Bikram.

Cose serve? Beh, per prima cosa dovrebbe procurarsi una copia del manuale (costa sui 15 euro) e perché no, magari anche del cd con le istruzioni sonore.  “Imparate bene una posizione alla volta”, dice lui. Bisogna cercare poi  uno spazio a casa con un grande specchio.

 

40 gradi anche in casa

Per ottenere i 40 gradi, bisognerà soltanto infilare nella presa elettrica un generatore di aria calda (o ancora anche due), quel genere di dispositivi simili al Caldobagno per intenderci. Indossare un costume da bagno e cominciare.  Niente musica. Niente distrazioni.  Solo respiro e concentrazione. Ah, e niente cibo nelle due o tre ore precedenti. “Imparate bene una posizione alla volta e poi andate avanti giorno per giorno”, dice lui.

 

Con 11.000 euro si diventa docenti

Infine il Bikram può anche diventare un’occupazione. Certo, c’è  solo bisogno di un investimento iniziale. Costa circa 11.000 dollari tutto compreso il corso intensivo di nove settimane in Thailandia organizzato da mister  Bikram per rilasciare il tesserino di docente.  Ogni tre anni poi bisogna ricertificarsi (250 euro).

Palestre sempre piene

Esagerato? Non sarebbe allora meglio andare a correre al parco pubblico? Può darsi, ma, almeno al momento, le palestre di hot yoga sono sempre piene.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto