Al Bano ha un nuovo male: un edema alle corde vocali fa saltare i concerti previsti

Al Bano Carrisi ha un nuovo, serio, problema di salute: un edema alle corde vocali. Il rigonfiamento ai lembi muscolari delle corde vocali gli impedisce di esibirsi: è saltato, infatti, il concerto che avrebbe dovuto tenere oggi 23 giugno al Perla Casinò e al Nova Gorica in Slovenia e verranno cancellati tutti i suoi impegni per almeno una settimana.

L’ufficio stampa del cantante, negli ultimi tempi perseguitato da problemi di salute anche gravi (vedi qui sotto) ha fatto sapere che il concerto in Slovenia è stato rimandato a scopo puramente precauzionale.

Al Bano – sostiene l’ufficio stampa – si sta riprendendo in fretta e i biglietti acquistati per lo show verranno prontamente rimborsati. Ma come si ricorderà Ligabue, che ha avuto abbastanza di recente un problema analogo, ci ha messo un bel po’ di tempo per riprendersi.

La crisi del cantante del 21 marzo

“Al Bano Carrisi ha trascorso una notte tranquilla e ha riposato bene. Tenuto sotto continuo monitoraggio, il paziente dovrà restare a riposo in ospedale almeno sino a sabato”. È quanto riporta il bollettino medico diffuso nella mattinata di oggi, martedì 21 marzo, dall’ospedale Vito Fazzi di Lecce dove il cantante è ricoverato da ieri per una leggera ischemia.

In valutazione i fattori di rischio

“Il paziente”, prosegue il bollettino, “conferma il quadro clinico positivo del giorno precedente, evidenziando un costante recupero. Gli accertamenti stanno continuando per un più fine inquadramento diagnostico e terapeutico, verificando la presenza e curando i possibili fattori di rischio”.

Lascia la “Stroke unit” ma resta ricoverato a neurologia

Al Bano Carrisi sta meglio ed è costantemente monitorato nella sua stanza al sesto piano dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Il popolare cantante sta meglio.
Un bollettino medico delle 18 di ieri pomeriggio ha comunicato che dopo le prime cure prestate nella Stroke Unit, unità specializzata nell’intervento sull’ischemia, il paziente nella tarda mattinata è stato sistemato in un’altra stanza, sempre all’interno del reparto di Neurologia.

Ha lasciato la terapia intensiva

Ha lasciato, dunque, l’unità di terapia intensiva per il reparto ordinario di degenza, indice del decorso positivo del quadro clinico generale.  Qui Al Bano potrà affrontare gli esami e terapie previste per i casi di lieve ischemia cerebrale nel riposo più assoluto, così come prescritto per i prossimi tre giorni dal primario della Neurologia dottor Giorgio Trianni e dal responsabile della Stroke Unit dottor Leonardo Barbarini.

“Il paziente – sottolinea il direttore generale Asl Lecce, Silvana Melli – è sempre stato vigile e collaborante, ha conservato integre le sue funzioni cognitive, compreso il suo ben noto spirito battagliero. Ha scelto di farsi ricoverare al “Fazzi” perché è una struttura presso la quale è già sotto controllo clinico, quindi in un contesto che gli è familiare ed è, peraltro, fornito di tutta la diagnostica necessaria”.

 

 

Il nuovo malore domenica 19 marzo

Nuovo malore per Al Bano Carrisi che ieri sera, domenica 19 marzo, si è sentito male di ritorno da Porto Sant’Elpidio, in provincia di Fermo, nelle Marche. Il cantante era in compagnia di un collaboratore e stava tornando a casa, a Cellino San Marco. Portato al Policlinico di Bari per primi accertamenti, è stato poi trasferito a Lecce.

 

Rimane sotto osservazione

Il cantante è ricoverato nella Stroke Unit, l’unità specializzata nella cura dell’ictus, all’interno del reparto di neurologia. “È cosciente e sereno”, hanno detto i sanitari che lo hanno in cura. La compagna Loredana Lecciso è attesa a momenti.

Al Bano a casa con la Lecciso dopo gli infarti: “Loredana si è precipitata da me”, le notizie del 16 dicembre 2016

Al Bano dimesso dopo l’intervento al cuore per due infarti improvvisi ed è il momento di rituffarsi in famiglia per convalescenza insieme alla moglie, la showgirl Loredana Lecciso: “Loredana si è precipitata subito”. E lei ha postato sui social la foto al marito dopo l’operazione: “Il bacio più bello”.

a-albanosanremo

“Ho detto agli altri di stare dov’erano”

Ma il cantante pugliese non dimentica gli altri componenti della famiglia. “Mio figlio Yari è rientrato da Lisbona, dove stava per imbarcarsi per gli Stati Uniti”, ha detto. “Però ho chiesto a chi era lontano di restare dove si trovava. Mia figlia Cristel è in viaggio di nozze a Tokyo, Romina jr è a Los Angeles e la mia ex moglie a Palm Springs: volevano con urgenza mollare tutto e raggiungermi, ma ho preferito che non rinunciassero ai loro impegni”.

“Tutto risolto al meglio”

“Si è trattato di un incidente che si è risolto al meglio, non era necessario che stravolgessero così i loro progetti. Ci siamo sempre sentiti al telefono e so che sono tutti molto tranquilli”.

Al Bano, operato per due infarti, sta meglio: “Lassù non mi vogliono”, le notizie dell’11 dicembre 2016

a-albano

Paura per Albano Carrisi operato nel corso della notte tra venerdì e sabato per due infarti. Un intervento di tre ore, perfettamente riuscito, ha tranquillizzato cantante e familiari.
“Ora sto bene”, riesce a dire Al Bano stamattina. “Nella notte mi hanno operato. Tre ore di intervento, in semi sedazione. Sentivo tutto quello che dicevano e mi sono morso la lingua: mi veniva da fare battute ma poi ho pensato fosse meglio non distrarli”, scherza.

Il primo attacco è arrivato ieri pomeriggio sul palco dell’Auditorium di via della Conciliazione, a Roma, che è come dire Piazza San Pietro. Due colpi, alle 18 e alle 20, prima che il cantante di Cellino San Marco si decidesse a ricoverarsi in ospedale.

“Se va bene sono fuori in un paio di giorni”

Ma Al Bano ci tiene subito a dire: “Se va bene, in un paio di giorni sono fuori. Anche perché ho tante di quelle cose da fare”. La più importante, ora, è tenere a bada un’aorta capricciosa: “Ma tanto è inutile, lassù non mi vogliono. Resto quaggiù”, sorride.

Nei giorni scorsi si era anche parlato di un possibile ritorno del cantante al Festival di sanremo tra i “big”. Non si sa, a questo punto, se sarà possibile.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto