Bono Vox (U2): “Scrissi Iris per mia madre, ma volevo cancellarla” (video)

Iris era la madre di Bono Vox, leggendaria voce degli U2. Morì durante il funerale del padre dell’artista, colpita da un aneurisma celebrale, e a lei dedicò la canzone che porta lo stesso nome della donna e che è inserita nell’album “Songs of innocence”, uscito lo scorso settembre e reso disponibile per il download gratuito di iTunes di Apple. Ma alla vigilia dell’uscita del disco, “quattro giorni prima, volevo fermare tutto. Mi sembrava di essermi aperto un po’ troppo. Mio fratello mi ha convinto, mi ha fatto capire che la canzone era un bellissimo gesto d’amore verso nostra madre. Aveva ragione perché ogni sera, quando la canto, sento mia madre sopra di noi”.

Dopo la morte del manager: “Abbiamo perso un fratello”

Questo pezzo della storia del musicista irlandese viene raccontata dal settimanale Oggi nel numero in edicola da domani. Lo fa corredando l’articolo con le fotografie dell’esibizione live degli U2 a Los Angeles, quello eseguito il giorno dopo la morte dello storico manager della band. Evento dopo il quale Bono Vox ha detto che “gli U2 sono una famiglia e noi abbiamo perso un fratello”.

“Cantiamo le emozioni dell’inizio”

Infine su “Songs of innocence” ha detto ancora il musicista: “Tutte le nuove canzoni raccontano delle prime emozioni, il primo concerto, il primo innamoramento, il primo cuore infranto, la prima band. Abbiamo rivisitato quelle emozioni che ci hanno fatto scrivere le prime canzoni e ne abbiamo scritte di nuove con lo stesso spirito”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto