Oggi è il tax freedom day: fino a ieri i guadagni 2015 sono finiti in tasse

Oggi è il 173esimo giorno dell’anno. Il primo in cui i nostri guadagni finiranno nel nostro portafoglio e non nelle casse dello Stato. Il Corriere Economia, che ha fatto i conti, lo ha ribattezzato il Tax Freedoma Day.
Il giorno della libertà, perché solo a da oggi e solo fino alla fine dell’anno lavoreremo per noi.

 

Quasi metà anno “donato” allo Stato

“Il Tax Freedom Day arriva dopo 173 lunghe, interminabili giornate dedicate interamente alle necessità dello Stato, dell’Inps e degli enti locali”, scrive il Corriere Economia.
“Ricordiamo che il contribuente preso a modello per calcolare quante tasse paga effettivamente sui redditi, sulle e proprietà e sui consumi è un quadro con un reddito di 49.228 euro”, aggiunge la testata.

 

Una settimana in più rispetto al 2011

Da rilevare che il Tax Freedom Day si è spostato in avanti negli ultimi anni. La “liberazione” prima della manovra del governo Monti arrivava il 14 giugno. “Speriamo che questa progressione si fermi o rischieremo di passare, ben presto, le Colonne d’Ercole del 30 giugno. Il che vorrebbe dire lavorare più per l’Erario che per noi”, chiosa il Corriere.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto