Stop a tablet e pc in aereo: l’elenco delle compagnie che li vietano

Giro di vite per il bagaglio a mano in aereo che arriva a comprendere negli Stati Uniti e nel Regno Unito (ma a breve varrà anche per altri Paesi) dispositivi elettronici superiori ai 16 centimetri di lunghezza, 9,3 di larghezza e 1,5 di spessore. A sottolinearlo è Adiconsum che scrive: “In pratica tutto ciò che è più grande di un normale smartphone (pc portatili, tablet, e-book, lettori dvd da viaggio, macchine fotografiche, eccetera) dovrà essere imbarcato in stiva”.

Uk: aeroporti e compagnie

Per quanto riguarda il Regno Unito, la norma riguarda voli provenienti da Turchia, Libano, Giordania, Egitto, Tunisia e Arabia Saudita. Le compagnie invece sono, tra quelle britanniche, British Airways, EasyJet, Jet2.com, Monarch, Thomas Cook e Thomson. Le straniere invece sono Turkish Airlines, Pegasus Airways, Atlas-Global Airlines, Middle East Airlines, Egyptair, Royal Jordanian, Tunis Air e Saudia.

Chi è escluso

“Il divieto”, aggiunge Adiconsum, “non riguarda quei passeggeri che pur provenendo dai Paesi citati, effettuano uno scalo in un Paese diverso prima di raggiungere il Regno Unito. Inoltre, il divieto non riguarda i dispositivi medici e i membri dell’equipaggio”.

La situazione negli Stati Uniti

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, i Paesi sono 8 (10 gli aeroporti interessati): Marocco, Turchia, Egitto, Giordania, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Kuwait e Qatar. Per quanto riguarda gli scali, si annoverano Mohammed V International, Casablanca, Marocco; Ataturk Airport, Istanbul, Turchia; Cairo International Airport, Egitto; Queen Alia International, Amman, Giordania; King Abdulaziz International, Jeddah, Arabia Saudita; King Khalid International, Riyadh, Arabia Saudita; Kuwait International Airport, Kuwait; Hamad International, Doha, Qatar; Abu Dhabi International, Emirati Arabi; Dubai International, Emirati Arabi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto