Brescia: 5 baby squillo a scuola e in un parcheggio per pochi euro

Cinque ragazze tra i 15 e i 16 anni si prostituivano per pochi euro nei parcheggi di un centro commerciale di Brescia e nei bagni di scuola, chiedendo a clienti o compagni dai 10 ai 50 euro. La sconcertante scoperta l’ha fatta la polizia provinciale a cui si era rivolta la madre di una delle giovani. Gli appuntamenti venivano fissati via social network. Un bresciano di 45 anni è indagato indagato per induzione e sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale.

 

Clienti sui social grazie a un bresciano

Le ragazze, alcune italiane e alcune straniere, secondo gli inquirenti avevano iniziato a prostituirsibresciano, che sotto falso nome trovava online i potenziali clienti. Ma, in un secondo momento, ha spiegato il commissario della polizia provinciale Fabio Peluso, hanno iniziato a gestire da sole il “giro”.

 

Istruite a coinvolgere anche gli anziani

L’indagato, anch’egli bresciano, avrebbe invece convinto le giovani ad andare ad adescare uomini facoltosi, soprattutto di una certa età, scelti in base al valore della loro automobile. A casa dell’uomo sono stati trovati scatoloni di profilattici, pastiglie di viagra e materiale pronografico.

Il preside aveva chiuso i bagni

Il preside dell’istituto professionale frequentato dalle ragazze, a quanto si apprende, avrebbe deciso di chiudere a chiave i bagni della scuola per evitare che, al loro interno, si consumassero rapporti durante le ore di lezione.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto