Marc Marquez più grave del previsto, in pista fra 3 mesi

La situazione del cmapione mondiale dle Moto Gp è più grave del previsto.

Marc Marquez tornerà in pista soltanto tra 2-3 mesi. Lo ha comunicato la Repsol Honda Team attraverso un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale. Il pilota spagnolo, infortunatosi alla spalla durante il corso della gara inaugurale a Jerez de la Frontera, dovrà stare lontano dalla pista per almeno 2-3 mesi per recuperare la condizione fisica ottimale.

“Il campione del mondo della MotoGP insieme alla HRC ha consultato le opinioni di diversi specialisti riguardo l’infortunio subito il 19 luglio – si lette in una nota -. In comune accordo tra le parti è stato deciso di modificare il programma di recupero”. La Honda ha inoltre puntualizzato che al momento, nella tabella di marcia, non si può pianificare in maniera precisa la tappa di rientro del campione spagnolo.

Le parole del team manager

“Si è parlato tanto del recupero di Marquez e di varie deadline – ha spiegato il team manager Alberto Puig -, ma fin dal primo giorno dopo la seconda operazione l’unico nostro obiettivo è stato quello di rivederlo al 100%. Non vogliamo affrettare i tempi: Marc tornerà quando sarà nelle giuste condizioni per competere ai suoi livelli”.

Le notizie del 10 agosto

Marc Marquez salterà il Gp d’Austria in programma il 16 agosto. La notizia è stata lanciata dal quotidiano sportivo spagnolo “Mundo Deportivo”, secondo il quale il campione del mondo in carica, out per la rottura dell’omero in seguito a una caduta a Jerez, salterà molto probabilmente anche il successivo appuntamento del motomondiale in programma a Spielberg dove il 23 agosto si corre il Gp di Stiria.

Lo spagnolo della Honda dopo l’infortunio alla spalla ha provato a forzare i tempi presentandosi alle libere del Gp di Andalusia quattro giorni dopo l’intervento salvo poi rinunciare. Successivamente Marquez ha subito un secondo intervento.

Potrebbe rientrare nel Gran premio che si correrà a Misano, il 13 settembre, nel Gp di San Marino e Riviera di Rimini.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto