La Azarenka rinuncia agli Us Open, è in corso una battaglia legale per il figlio

Ora c’è la conferma. Victoria Azarenka rinuncia agli ormai prossimi Us Open. La tennista di origini bielorusse ha ancora problemi familiari con il compagno Billy McKeague e – dopo aver dato forfait al torneo di Stanford e aver rinunciato alla wild card offertale dagli organizzatori del torneo di Toronto – ha annunciato che non prenderà parte agli Us Open.

Una contrastata vicenda familiare

“I miei fan e amici, che mi hanno sostenuto per tutta la carriera, meritano di sapere perché non potrò essere agli Us Open quest’anno. Il giorno in cui mio figlio Leo è nato, nel dicembre dello scorso anno, è stato di gran lunga quello più felice della mia vita – ha scritto la bielorussa, ex numero uno del mondo, sui social -. Tuttavia, come la maggior parte delle madri che lavorano, nonostante il mio amore incondizionato per mio figlio, mi trovo ad affrontare una situazione difficile, che non mi permetterà di ritornare in campo subito”.

“Col padre di Leo ci siamo separati…”

“In Bielorussia, a marzo – continua la campionessa – ho iniziato a lavorare con l’obiettivo di tornare a competere ad alto livello entro il 31 luglio. Sono riuscita a tornare presto, giocando a Maiorca a metà giugno e poi a Wimbledon. Poco dopo questo torneo, il padre di Leo e io (insieme a lei nella foto qui sopra) ci siamo separati e, mentre lavoriamo per risolvere alcuni cavilli legali, l’unico modo che avrei per giocare agli Us Open quest’anno sarebbe lasciare Leo in California: una cosa che non sono disposta a fare”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto