Etichette su grano, pasta e riso: da febbraio obbligatorio indicare l’origine

Dal prossimo febbraio nuovo look per le etichette di grano, pasta e riso che dovranno contenere informazioni dettagliate sulla provenienza. Non solo: le indicazioni sull’origine dovranno essere apposte in un punto evidente e nello stesso campo visivo in modo da essere facilmente riconoscibili, chiaramente leggibili ed indelebili.

Adeguamento in 180 giorni

“Una scelta decisa e compiuta insieme ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda”, ha affermato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina (nella foto sopra) annunciando la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dei due decreti. I decreti prevedono una fase di 180 giorni per l’adeguamento delle aziende al nuovo sistema e lo smaltimento delle etichette e confezioni già prodotte. Quindi l’obbligo definitivo scatterà il 16 febbraio per il riso e il 17 febbraio per la pasta.

Gli obblighi per la pasta

In particolare il decreto grano-pasta prevede che le confezioni di pasta secca prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture: Paese di coltivazione del grano; Paese di molitura, vale a dire il nome del paese in cui il grano e’ stato macinato. Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi Ue, Paesi non Ue, Paesi Ue e non Ue. Infine se il grano duro è coltivato almeno per il 50% in un solo Paese, come ad esempio l’Italia, si potrà usare la dicitura: “Italia e altri Paesi Ue e/o non Ue”.

Quelli per il riso

Per quanto riguarda il riso invece il provvedimento prevede che sull’etichetta devono essere indicati il Paese di coltivazione, il Paese di lavorazione e quello di di confezionamento. Se le tre fasi avvengono nello stesso Paese, è possibile utilizzare la dicitura “Origine del riso: Italia”. Anche per il riso, se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le diciture saranno come quelle della pasta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto