L’asteroide che uccise i dinosauri lasciò la Terra al buio per 2 anni

In attesa dell’asteroide Florence,  che il prossimo 1° settembre sfiorerà la Terra, (anche se “sfiorerà” è un modo di dire, per fortuna) si è saputo che quello che fu responsabile dell’estinzione dei dinosauri, 66 milioni di anni fa, fece piombare la Terra in 2 anni di tenebre, per colpa delle tonnellate di fuliggine sollevate in atmosfera dai numerosi incendi successivi all’impatto.

Oscurati i raggi solari

L’oscuramento dei raggi solari fu tale da causare un crollo delle temperature e uno stop della fotosintesi.

A sostenerlo sono le simulazioni fatte con un modello di previsione utile anche per valutare i cambiamenti climatici che potrebbero essere provocati da un’eventuale guerra nucleare. Lo hanno messo a punto i ricercatori del Centro statunitese per gli studi atmosferici (Ncar) in collaborazione con la Nasa e l’Università del Colorado a Boulder, che pubblicano i loro studi sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze (Pnas).

La temperatura ridotta di 16 gradi

La ricostruzione dimostra che le tonnellate di fuliggine finite in atmosfera tra la fine del Cretaceo e l’inizio del Paleocene avrebbero potuto bloccare il 99% dei raggi solari per oltre un anno e mezzo, riducendo le temperature della superficie terrestre in media di 16 gradi e impedendo di fatto la fotosintesi, soprattutto del fitoplancton alla base della catena alimentare degli ecosistemi marini (mentre la vegetazione sulla terra ferma era già stata in gran parte bruciata dagli incendi).

Anche lo strato di ozono in atmosfera potrebbe essere stato pesantemente danneggiato, consentendo il passaggio di dosi pericolose di raggi ultravioletti che avrebbero contribuito all’estinzione di massa.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto