Eterologa: stretta del Consiglio superiore di Sanità sui donatori

Fecondazione eterologa: arriva una stretta del Consiglio superiore di Sanità (Css) sui donatori. La novità è che i donatori di gameti per la fecondazione eterologa dovranno effettuare una mappa cromosomica, oltre a vari altri test di controllo, per ridurre al minimo il rischio di trasmissione di eventuali patologie genetiche.

 

La raccomandazione nel via libera al nuovo Regolamento

La raccomandazione è contenuta nel parere con cui il Css ha dato il via libera al Regolamento messo a punto dal ministero della Salute che recepisce la direttiva Ue 2012 sul controllo di tessuti e cellule umani, un provvedimento atteso e che specifica le varie analisi cliniche di controllo da effettuare prima della donazione.

 

A Firenze a luglio il primo bambino da eterologa

Intanto, da Firenze arriva l’annuncio della nascita di un primo bimbo da eterologa a luglio. Il Regolamento, che ha ricevuto il via libera dal Css, completa dunque la normativa in materia, dopo il parere positivo del Consiglio lo scorso maggio alle nuove linee guida sulla legge 40 per la procreazione medicalmente assistita (Pma) realizzate dal ministero, nelle quali si prevede anche che le coppie che accedono all’eterologa non possano scegliere le caratteristiche somatiche del proprio figlio.

 

10 nascite: limite massimo per ogni donatore

Nel Regolamento si fissano pure il limite massimo di 10 nascite per ogni donatore e paletti per l’età entro cui è possibile donare gameti.

Il quadro normativo, dunque, si precisa ulteriormente, mentre sembra che finalmente anche in Italia la tecnica dell’eterologa stia partendo concretamente: ”Dopo i problemi registrati nei mesi scorsi per la carenza di donazioni e dunque di gameti disponibili – afferma la direttrice del Centro di pma dell’Ospedale Careggi di Firenze, Elisabetta Coccia – l’eterologa sta finalmente partendo. Vari centri pubblici hanno definito contratti con banche del seme estere ed i gameti iniziano ad essere disponibili. Prevediamo dunque un notevole incremento degli interventi nei prossimi mesi”.

 

A Careggi una banca del seme maschile

In particolare, ha sottolineato la dottoressa Coccia, ”al Careggi stiamo anche attivando una Banca del seme maschile ed abbiamo tre prime donatrici volontarie italiane”. Quindi l’annuncio che vi abbiamo anticipato: ”È attesa entro luglio – afferma Coccia – la prima nascita di un bambino da fecondazione eterologa a Firenze, all’Ospedale Careggi”. Sarebbe il terzo bebè nato in Italia grazie a tale tecnica, dopo i due gemelli venuti alla luce a Roma lo scorso marzo.

 

In Toscana una decina di gravidanze in corso

Sempre al Careggi, dice l’esperta, ”sono almeno una decina le gravidanze da eterologa in corso, ed abbiamo 200 coppie in lista di attesa, delle quali il 65% arriva da altre Regioni, dal nord al sud dell’Italia”.

Ma sul fronte eterologa, nonostante si stia superando il problema della carenza di gameti, la situazione resta tuttavia complessa, soprattutto per le varie difformità da Regione a Regione: ”In realtà – spiega Coccia – sono ancora poche le Regioni che hanno recepito con delibera le linee guida sull’eterologa della Conferenza delle Regioni del 2014, e se vari centri privati si stanno attivando, i centri pubblici che sono partiti sono molti di meno”.

I costi differiscono fortemente da Regione a Regione

Quanto ai costi, in attesa dell’approvazione definitiva dei nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea) che dovrebbero includere anche la pma omologa ed eterologa, dominano ancora una volta le differenze territoriali: ”Al momento – rileva l’esperta – solo poche Regioni, tra cui Toscana, Veneto e Friuli, offrono l’eterologa gratuitamente o con ticket, sulla base di provvedimenti regionali. Una situazione – conclude – che sta costringendo sempre più coppie a spostarsi in Regioni diverse dalle proprie”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto