Montecarlo: Fognini ha un milione di euro in più e ora è nella storia del tennis italiano

Fabio Fognini è nella storia del tennis italiano. Il numero 1 italiano ha vinto il torneo di Montecarlo, battendo in finale il serbo Dusan Lajovic in due set, con il punteggio di 6-3, 6-4.

È la prima volta con un azzurro trionfa nella finale di un Masters 1000. L’ultimo italiano vittorioso sulla terra rossa monegasca fu Nicola Pietrangeli nel 1968, mentre l’ultimo finalista del torneo era stato l’allenatore di Fognini, Corrado Barazzutti, nel 1977.

Fabio è entrato nel torneo da numero 18 al mondo, ora è risalito al 12° posto e, soprattutto, si è regalato una vittoria importante nel suo palmares.

All’azzurro andrà il premio previsto per la vittoria, che è di un milione di euro, da cui deve detrarre le spese per il suo staff, che lo segue per tutto l’anno.

 

Grande tensione a Montecarlo

Grande spettacolo tennistico oggi pomeriggio a Montecarlo. Va di scena, infatti, la sfida tra Fabio Fognini e Rafa Nadal (diretta Sky alle 15,30).

Fabio Fognini si prende la scena al torneo di Montecarlo. Il tennista ligure, fin qui abbastanza deludente, dopo sei anni torna in semifinale sulla terra rossa del Principato, battendo in rimonta il croato Borna Coric (n.13 Atp) con il punteggio di 1-6, 6-3, 6-2.

Questa vittoria vale a Fognini il rientro nella top 15 mondiale e lo fa ridiventare Numero 1 in Italia, scavalcando Cecchinato.

Fabio nel Principato aveva già raggiunto le semifinali nel 2013 – quando fu fermato solo da Djokovic -, troverà dall’altra parte della rete lo spagnolo, 11 volte trionfatore a Montecarlo e re indiscusso della terra battuta. Il 32enne Mancino di Manacor è in vantaggio per 11-3 nei precedenti, ma due dei tre successi dell’azzurro sono arrivati proprio sul ‘rosso’. Nadal ha conquistato la sua quattordicesima semifinale a Montecarlo, battendo con una grande fatica l’argentino Guido Pella 7-6 (1) 6-3. Dovrebbe essere una bella partita.

Fognini gode di un grande sostegno dle pubblico, perché vive quasi tutto l’anno a Montecarlo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto