Dalla frutta al pesce: come evitare i “fuori stagione”

Scegliere la frutta e verdura di stagione è molto importante, innanzitutto per una garanzia di freschezza e mantenimento delle proprietà nutrizionali del prodotto, ma da non sottovalutare è anche l’aspetto del risparmio.
La coltivazione dei vegetali fuori stagione avviene solitamente in serre, il prodotto essendo coltivato in una stagione non consona viene trattato con molti prodotti chimici per stimolarne la crescita.
Con questi tipi di trattamenti il prodotto ne perde in gusto e valori nutrizionali, inoltre non maturando in maniera naturale non sintetizza in maniera giusta le varie vitamine e sali minerali, preziosi per la nostra salute.

Per trarre i migliori benefici dall’alimentazione, è bene attenersi al “calendario naturale” dei singoli alimenti. Ecco una guida di febbraio, dalla frutta al pesce.

La spesa di febbraio
Frutta: arancia, mandarancio, mandarino, limone, pompelmo, kiwi, mela, pera, frutta secca.

Verdura: barbabietola, broccolo, carciofo, cardo, catalogna, carota, cavolfiore, cavoli (cappuccio, verza) cavolini di Bruxelles, cicoria e cicorino, crauti, erbette, finocchio, indivia, lattuga, porro, radicchio rosso, rapa, spinaci, topinambour, valerianella, zucca.

Non soltanto la frutta e verdura seguono la stagionalità, anche per i pesci ci sono periodi eccellenti, ecco quelli di febbraio.

Pesci: vongole, cozze, tonno, merluzzo, alici, trota, gamberi, dentice.

 

La ricetta di febbraio

 

Vellutata di carciofi con gamberi

Scegliendo una verdura e un pesce di  febbraio, si può fare questa ricetta molto delicata e di sicuro effetto cromatico, gli ingredienti sono per 8 persone, 199 calorie per porzione

Ingredienti:
1,5 litro di brodo vegetale
7 carciofi
1 patata
1 cipolla
16 code di gambero sgusciate,
8 fettine di pane,
vino bianco secco
olio extravergine d´oliva
sale q.b.
pepe q.b.

Preparazione:
Pulite i carciofi, tagliateli a fettine e riducete i fondi a dadini. Rosolate le fettine e i fondi in una casseruola con un filo di olio e la cipolla affettata, sfumate con un goccio di vino, poi unite il brodo, la patata, pelata e tagliata a cubetti, e lasciate bollire per 25 minuti circa. A fine cottura frullate il tutto fino ad ottenere una crema.
Saltate in padella le code di gambero. Distribuite la crema di carciofi nei piatti e completate ciascuno con una fettina di pane tostata al forno con un filo di olio, 2 code di gambero, i fondi di carciofo rosolati e pepe.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto