Papa Francesco: “Aborto peccato da assolvere”

L’aborto è un “peccato grave”, ma va assolto e il perdono deve essere concesso tanto alle madri quanto ai medici. È la rivoluzione annunciata da Papa Francesco che, nella lettera apostolica “Misericordia et misera”, concede “a tutti i sacerdoti, in forza del loro ministero, la facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato di aborto”. La decisione del pontefice è “perché nessun ostacolo si interponga tra la richiesta di riconciliazione e il perdono di Dio”.

a-papa-fine-giubileo

“I sacerdoti siano presenti nella riconciliazione”

Nella lettera apostolica, documento programmatico del Pontificato che indica le linee pastorali del post Giubileo, Francesco annuncia che: “Quanto avevo concesso limitatamente al periodo giubilare viene ora esteso nel tempo, nonostante qualsiasi cosa in contrario. Ogni sacerdote si faccia guida, sostegno e conforto nell’accompagnare i penitenti nel cammino di speciale riconciliazione”.

Ieri aveva detto: “Crimine orrendo, spreca una vita”

Ancora ieri, domenica 20 novembre, a chiusura del Giubileo, il Papa aveva definito l’aborto un “crimine orrendo perché spreca una vita solo per egoismo. Sono andato all’ospedale San Giovanni, al reparto maternità, e c’era una donna che piangeva, piangeva, piangeva davanti ai suoi due gemellini… piccolini, ma bellissimi: è morto il terzo. Ho pensato all’abitudine di mandare via i bambini prima della nascita. Li mandano via perché è meglio così, perché sei più comodo, è una responsabilità grande, è un peccato gravissimo, no?”

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto