L’Umbria verso la Di Maolo, cattolica, Rousseau dice sì a intesa 5 Stelle-Pd

Umbria verso un accordo per la candidatura unitaria alla presidenza della Regione da parte di Pd e 5Stelle.

“Al momento non è stato trovato nessun accordo. Sono errate le notizie diffuse da alcuni organi di informazione in merito a una presunta convergenza tra M5S e Pd sul nome del candidato presidente della regione Umbria. La trattativa va avanti, ma non è stato ancora definitivo il nome”: sottolineano fonti M5S.

 

Il via libera di Rousseau

Ma il 60,9% dei votanti sulla piattaforma Rousseau ha dato il via libera al “patto civico” per l’Umbria annunciato da Luigi Di Maio.

I votanti sono stati 35.036: i sì sono stati 21.320, i no 13.716, pari al 39,1%. La votazione era aperta a tutti gli iscritti M5S sul territorio nazionale.
“Molto bene il risultato su Rousseau. Ora chiudiamo sul nome del candidato presidente e liberiamo l’Umbria dalla sola politica. I partiti facciano un passo indietro e gli umbri facciano un passo in avanti” sottolineano fonti pentastellate.

 

Zingaretti “fiducioso”

“Sull’Umbria sono fiducioso” ha commentato il segretario del Pd, Nicola Zingaretti.

“Ci sono le condizioni con lo sforzo di tutti – ha aggiunto – per arrivare a una forte candidatura, unitaria e competitiva per il bene di quella bellissima terra orgoglio di tutta l’Italia”.

 

La candidata unitaria

Secondo fonti della maggioranza il candidato sul quale Pd e M5S starebbero cercando una convergenza è la presidente del centro di riabilitazione per disabili “Serafico” di Assisi, Francesca Di Maolo (nella foto in apertura).

Avvocato di Assisi, 49 anni, Francesca Di Maolo, indicata come possibile candidata presidente della Regione Umbria sulla quale il patto civico tra Pd e M5s starebbero cercando la convergenza, è esperta del diritto del lavoro.

Da sempre vicina al mondo cattolico, è presidente dell’istituto Serafico per sordomuti e ciechi della città di San Francesco.

Si tratta di un ente ecclesiastico senza scopo di lucro che – si legge sul suo sito – promuove e svolge attività riabilitativa, psicoeducativa e assistenza socio-sanitaria per bambini e giovani adulti con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali.

Dal 1871 l’istituto Serafico “si adegua continuamente ai cambiamenti socio-culturali e alle diverse forme di disabilità, e costruisce una rete di servizi per le esigenze dei ragazzi e per il nucleo familiare”.

Una struttura sempre visitata dai Papi

La struttura che sorge alle porte del centro umbro è stata negli anni tappa praticamente di ogni Papa che ha visitato Assisi. Francesca Di Maolo è stata tra i fondatori di uno dei centri assisani di volontariato sociale per l’accoglienza di persone in difficoltà.

Presidente della “scuola Toniolo”

È ora presidente della Scuola socio-politica “Giuseppe Toniolo” della diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino.

Il Serafico guidato dall’avvocato Di Maolo fa parte del comitato che si sta occupando dell’organizzazione del grande appuntamento “The Economy of Francesco” che per iniziativa del Pontefice nel marzo del 2020 riunirà ad Assisi giovani economisti e imprenditori dei cinque continenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto