Cade in casa Francesco Nuti: in prognosi riservata a Firenze

L’attore e regista Francesco Nuti, 61 anni, è stato ricoverato d’urgenza al Centro traumatologico ortopedico di Firenze dopo una caduta avvenuta nella sua abitazione di Narnali, frazione di Prato, nel pomeriggio di ieri, martedì 20 settembre. A causa dell’impatto, è stato sottoposto ad un delicato intervento alla testa.

L’attore è stato poi ricoverato nel reparto di Neuroanestesia e rianimazione del Cto di Careggi, per gli esiti di una emorragia cerebrale. Al momento la prognosi è riservata, ma il paziente non è in imminente pericolo di vita”. Questo il testo di una nota emessa, nel pomeriggio di oggi mercoledì 21 settembre, dall’Azienda ospedaliera di Careggi.

Prima in rianimazione a Prato

Dopo essere stato soccorso e condotto all’ospedale pratese Santo Stefano, dove era stato ricoverato nel reparto di rianimazione, i medici hanno ritenuto di trasferirlo a Firenze. Le condizioni dell’attore sarebbero gravi.

a-nuti02

Disabile dopo un incidente del 2006

Dal 2006 convive con le conseguenze di un ematoma cranico provocato da un incidente domestico la cui dinamica non è mai stata chiarita del tutto. Dopo un lungo recupero e numerosi ricoveri, l’attore è rimasto gravemente disabile e costretto su una sedia a rotelle.

a-nuti03

A gennaio l’inchiesta per i maltrattamenti subiti

Lo scorso gennaio la procura di Prato aveva aperto un fascicolo per maltrattamenti di cui Nuti sarebbe stato vittima. A causarli – si è sospettato – sarebbe stato il suo badante georgiano che era stato allontanato con un provvedimento del giudice per le indagini preliminari. Nel 2014 un’altra caduta aveva richiesto cure mediche.

L’esordio nel 1981 con “Ad ovest di Paperino”

Divenuto celebre nel 1981 con il film “Ad ovest di Paperino” (nel video sopra), a cui erano seguite pellicole note come “Io, Chiara e lo Scuro”, “Tutta colpa del paradiso” e “Donne con le gonne”, Francesco Nuti aveva recitato per l’ultima volta nel 2005 in “Concorso di colpa” di Claudio Fragasso (2005).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto