Palazzina in fiamme: fermata l’anziana sfrattata

L’avevano sfrattata a 82 anni e per vendicarsi avrebbe fatto saltare in aria l’appartamento in cui non aveva più diritto a stare, provocando un morto – un operaio di 50 anni – e almeno 21 feriti nel palazzo. Il sospetto è sempre più forte sull’esplosione della scorsa notte in un condominio a Roma, in via Galati, alla periferia est. Rafforzato da un biglietto trovato dalla polizia su un’auto vicino al palazzo (nel cerchio in evidenza della foto).

 

“Il Signore non ve la farà godere”

“Il Signore la casa non ve la farà godere – si legge – perché siete ladri, più ladri”.

L’anziana donne ieri sera è stata rintracciata e fermata dalla polizia. La procura ipotizza il reato di strage. Il fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani, è al momento contro ignoti. Già in passato gli attuali proprietari della casa – che dovevano rientrarne in possesso domani, 22 gennaio – avrebbero ricevuto minacce dagli ex inquilini. In Procura è attesa una relazione sulla dinamica dei fatti dal Nucleo investigativo antincendi dei vigili del fuoco che assieme ai carabinieri del Ris hanno svolto i rilievi.

 

Uno scoppio tremendo

Lo scoppio che prima dell’alba di ieri ha sconvolto il quartiere intorno a viale Palmiro Togliatti è stato tremendo, come l’incendio successivo con scene impressionanti, con alcuni condomini saltati giù dalle finestre per salvarsi e danni alle auto in strada.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto