L’olio di girasole sta per finire, cosa troveremo in biscotti, tonno e maionese

olio di girasole

La notizia è stata confermata direttamente dal ministero dello Sviluppo. Entro un mese le scorte di olio di girasole finiranno, e le aziende alimentari dovranno sostituire l’ingrediente in centinaia di alimenti confezionati.

 

Dai biscotti ai sughi pronti

L’Ucraina detiene infatti il 75% dell’export di girasoli, e con la guerra sia la produzione quanto la distribuzione ha subito un black out che colpisce tutta la filiera alimentare. L’olio di girasole viene infatti utilizzato nelle ricette di tantissimi alimenti confezionati, dai biscotti alla maionese, dalle creme spalmabili alla pasta ripiena, dai sughi al tonno in scatola.

 

In arrivo i sostituti. E i consumatori?

Per tutti questi, il ministero dello Sviluppo economico ha autorizzato le aziende alimentari a sostituire l’olio con un altro ingrediente di origine vegetale. Quale? E come saranno informati i consumatori? Nella nota del dicastero, si concede la possibilità di utilizzare le etichette e gli imballaggi già stampati (con l’obiettivo di evitare ulteriori  costi e disagi).

 

Un’etichetta adesiva

Le imprese dovranno però “aggiornare” le etichette, per esempio usando sticker adesivi, con una frase che indichi quali oli e/o grassi hanno impiegato in sostituzione dell’olio di girasole. In più, dovranno segnalando l’eventuale presenza di allergeni.

 

Un’indicazione troppo generica

Fin qui tutto bene. Il problema, come ha segnalato Federconsumatori, è che il ministero dà la possibilità in “via transitoria” di riportare l’indicazione generica “oli e grassi vegetali”.

 

Dalla palma alla soia, ma non c’è l’obbligo di dichiararlo

In questo modo, sostiene Federconsumatori, le aziende “potranno utilizzare uno tra gli oli disponibili, anche quelli di qualità più scadente”, celandone la presenza sotto la generica dizione “grassi vegetali”. Indicazione che include l’olio di girasole come quello di palma, l’olio di mais, come quello di soia o di colza.

 

 
Foto di Thomas B. da Pixabay

Authors

Post relazionati

Alto