Bus, tram e metro: arriva il “supercontrollore” per mascherine e distanze

bus, tram e metro

Non c’è solo l’obbligo del green pass sui trasporti a lunga percorrenza, in vigore dal 1° settembre: presto torneranno i controllori su bus, tram e metro, per verificare mascherine e mantenimento delle distanze. In vista del rientro a scuola cambiano infatti le regole sul trasporto pubblico locale. Le nuove le linee guida sono state inviate dal ministero al Cts e alle Regioni, che dovranno poi utilizzarle per delineare i singoli piani di trasporto pubblico locale.

 

1.400 milioni di euro per la sicurezza

L’obiettivo è quello di cercare di mettere in sicurezza i mezzi pubblici per consentire la ripresa in sicurezza delle attività scolastiche. Giovedì mattina il ministro ai Trasporti Enrico Giovannini incontrerà i presidenti delle Regioni, ha intanto annunciato lo stanziamento di 600 milioni aggiuntivi per implementare corse e servizi, e altri 800 per compensare i maggiori costi e le perdite dovute al contingentamento dei viaggiatori.

 

Il supercontrollore

La novità principale sarà il ritorno del controllore stabile sui bus, tram e metro, che avrà nuovi compiti. Non dovrà limitarsi a verificare il possesso del biglietto, ma controllare che la capienza non sia superiore all’80% e che i viaggiatori indossino correttamente la mascherina.

 

Dispenser e telecamere in metrò

Sulle metropolitane, sugli autobus e su tutti i mezzi di trasporto pubblico regionale e locale le linee guida prevedono l’installazione di dispenser per igienizzare le mani, e nelle stazioni della metropolitana nuovi sistemi di videosorveglianza e telecamere intelligenti per monitorare i flussi ed evitare assembramenti.

 

Ffp2 raccomandata per tutti

Ai viaggiatori sarà raccomandato, ma non imposto, l’utilizzo della mascherina Ffp2, che protegge in modo particolare nei luoghi affollati. Quanto ad autisti e controlli, è in discussione un possibile obbligo di Green pass.

 

 

Authors

Post relazionati

Alto