Bonus rottamazione tv, manca il decreto in Gazzetta: ecco cosa fare

bonus rottamazione tv

Tutti ne parlano, ma il bonus rottamazione tv ancora non c’è. Inutile affrettarsi nei negozi di elettrodomestici per acquistare un nuovo apparecchio, il decreto che rende operativo l’incentivo non è ancora stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e da lì dovranno passare almeno 15 giorni perché diventi operativo. Nel frattempo, infatti, gli store di elettronica fisi e online dovranno attrezzarsi per potere operare sulla piattaforma informatica che consentirà materialmente di usufruire della misura.

 

Il controllo da fare: la prima fase parte il primo settembre

Nel frattempo, chi ha un vecchio apparecchio farebbe bene ad affrettarsi per spendere il bonus rottamazione tv, perché dal primo settembre partirà la prima fase del passaggio al digitale terrestre (non lo switch off vero e proprio), e tutti i dispositivi non in grado ora di visualizzare i canali HD avranno problemi. Per verificarlo basta collegarsi con i canali sopra il 500, che ricevono il segnale ad alta definizione. Se non sono in grado, è il caso di acquistare un decoder o un nuovo apparecchio.

 

Il passaggio definitivo nel 2022

Lo switch off completo – va ricordato – si avrà invece a giugno 2022. Per verificare se il proprio apparecchio è compatibile con i nuovi standard è necessario fare una prova, sintonizzandosi sui canali 100 o 200 (qui tutte le istruzioni per fare il test) .

 

Le cose da sapere, l’incentivo

Il bonus consiste in uno sconto del 20% sull’apparecchio acquistato, per un massimo di 100 euro. Non ci sono limiti di reddito: gli unici requisiti per potere usufruire del beneficio sono avere un vecchio televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018, essere residenti in Italia e pagare il canone tv (o essere esente, per chi ne ha diritto). Bisognerà portare con sé il proprio codice fiscale e consegnare il vecchio elettrodomestico. L’alternativa è portarlo in un’isola ecologica, ricevendo in cambio un documento che dà diritto allo sconto, anche se le procedure non sono ancora state definite.

 

L’opzione online

Il beneficio vale anche per chi compra online, a patto naturalmente che la piattaforma web sia attrezzata per scaricare i documenti richiesti (certificato di rottamazione, codice fiscale, ecc).

 

Nuovo e vecchio bonus insieme

Il nuovo bonus rottamazione tv è cumulabile con il “vecchio” bonus per l’acquisto di televisori e decoder di 30 euro (era di 50, ma con l’entrata in vigore del nuovo scenderà a 30), che però resta riservato a chi ha un Isee sotto i 20.000 euro. Significa che chi ha un reddito familiare sotto questa soglia può usufruire di entrambe le misure, risparmiando un massimo di 130 euro. Chi invece sceglie di comprare un decoder, potrà richiedere il solo bonus da 30 euro, sempre che rientri nella fascia di reddito prevista.

 

Un bonus con scadenza

Non tutti i negozi potrebbero accettare il bonus. Il consiglio è di verificare che l’insegna  abbia aderito all’iniziativa e sia abilitato a ritirare i vecchi elettrodomestici nel rispetto delle normativa sui rifiuti elettronici. Il bonus resterà attivo fino al 31 dicembre 2022 ma i fondi sono limitati, 250 milioni di euro.

 

 
Foto di ADMC da Pixabay

Authors

Post relazionati

Alto