Badanti e colf, le regole delle ferie

Non è facile organizzare le vacanze, quando bisogna incastrare le proprie ferie con quelle di badanti e colf. Per questo Assindatcolf, Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico ha pubblicato una guida con le cose da sapere su ferie, sostituzioni, trasferte e permessi. ecco le regole.

 

Le ferie: le lavoratrice straniere posso accumularle

Le ferie dei collaboratori domestici, incluse badanti e colf, devono essere godute in un unico periodo o al massimo in due con ma almeno 2 settimane comprese tra i mesi di giugno e settembre. Per le lavoratrici straniere, il Ccnl (art. 17) prevede però una deroga che consente l’accumulo di un biennio da utilizzarle tutte insieme per il cosiddetto “rimpatrio non definitivo”.

 

La sostituzione

Se la famiglia ha esigenza di trovare un sostituto può sottoscrivere un contratto di assunzione ex novo a temo determinato, se l’esigenza è quella di un’attività una tantum, si può ricorrere al Libretto famiglia per le prestazioni occasionali.

 

La trasferta

Se colf e badanti sono conviventi devono seguire il datore o la persona che assistono durante i soggiorni temporanei in altri comuni o in residenze secondarie. Se è già previsto nel contratto di assunzione, non dovrà essere corrisposta al lavoratore nessuna diaria giornaliera. Se il lavoratore non è convivente è  sempre possibile concordare una trasferta, ma in questo caso si renderà necessaria una temporanea modifica delle condizioni contrattuali.

 

Foto di Sabine van Erp da Pixabay

Authors

Post relazionati

Alto