Ciao Maschio. L’evoluzione dell’uomo contemporaneo

Claudio Abate/Pino Pascali

‘Ciao Maschio. Volto, potere e identità dell’uomo contemporaneo’ è la mostra ospitata alla Galleria d’Arte Moderna di Roma dal 23 giugno al 14 novembre 2021.

Il titolo della mostra, citazione del film del 1978 diretto da Marco Ferreri, vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 31º Festival di Cannes, è da intendere come addio, abbandono, superamento di un modo di essere, di pensare e di rappresentare l’uomo del XIX-XXI secolo, tradotto dal linguaggio dell’arte.

La mostra mette in luce il cambiamento del ruolo dell’uomo nella società contemporanea e l’influenza che questo cambiamento ha avuto sulle arti, in particolare dalla seconda metà degli anni Sessanta fino al presente periodo post-ideologico e di gender-fluid, nel quasi totale assorbimento di una nuova ridefinizione di ruoli, corrispondenze e senso dell’uomo d’oggi. L’esposizione va perciò oltre una semplicistica e monolitica concezione di “mascolinità”, evidenziando le problematiche e i contrasti interni alla costruzione “plurale” dell’arte relativa alla figura maschile.

‘Ciao Maschio’, 100 opere anche inedite

Nelle sale della GAM, la Galleria d’Arte Moderna, vengono esposte circa 100 opere. Dipinti, sculture, grafica, fotografia, film d’arte e sperimentali, video, video-performance e installazioni, molti dei quali mai esposti prima o non esposti da lungo tempo.

Le opere provengono in parte dalle collezioni d’arte contemporanea capitoline – Galleria d’Arte Moderna, Museo di Roma a Palazzo Braschi, collezione d’arte contemporanea di Sovrintendenza al MACRO – oltre che dal MAXXI, dal Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, da UniCredit SpA, da Fondazioni e archivi d’artista, da altre istituzioni pubbliche e private.

Kennedy

Sergio Lombardo, ‘Kennedy’

Film d’arte ‘Un Supermaschio’

L’evento propone anche una rassegna di film d’arte intitolata ‘Un Supermaschio’, dedicata al cinema sperimentale italiano degli anni Sessanta-Settanta.

La rassegna cinematografica è realizzata con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, in collaborazione con il CSC, Archivio Nazionale Cinema Impresa. È curata da Annamaria Licciardello.

Nel periodo luglio-ottobre, saranno organizzati anche eventi, incontri e reading all’aperto, nel chiostro-giardino della GAM.

‘Ciao Maschio’, gli orari

La mostra ‘Ciao Maschio’ è aperta dal martedì alla domenica ore 10.00-18.30. L’ultimo ingresso è consentito fino a mezz’ora prima della chiusura.

Il biglietto costa 7,50 euro, il ridotto 6,50 euro (un euro in meno per i residenti a Roma). Si può acquistare online o alla biglietteria della GAM, in via Francesco Crispi 24.

Per informazioni, il numero 060608 è attivo tutti i giorni dalle 9 alle 19.

In copertina, Claudio Abate/Pino Pascali, Pascali e il cannone, 1965, fotografia da azione, Roma, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Authors

Post relazionati

Alto