Il video accusa di Greenpeace: “Altro che riciclo, la plastica usata finisce nel Sud del mondo”

“Oltre al Regno Unito tante altre nazioni europee, inclusa l’Italia, continuano a inviare ingenti quantità di materie plastiche non riciclabili in Turchia e in altre nazioni del Sud del mondo, non dotate di impianti adeguati per il trattamento e con norme ambientali non rigorose”. L’accusa è di Greenpeace, che ha pubblicato un video accusa per denunciare lo scarso impegno dei governi nei confronti dei temi ambientali, e le conseguenze devastanti per il pianeta.

Lo spot, ideato da Greenpeace Uk e intitolato “Wasteminster. A Downing Street Disaster” mostra un fantoccio con le sembianze del primo ministro inglese Boris Johnson, mentre, davanti a Downing Street, elenca davanti alla folla gli impegni presi dal Regno Unito nella lotta ai cambiamenti climatici. Durante il discorso, che riprende citazioni reali del primo ministro, comincia però a cadere dal cielo una pioggia di rifiuti di plastica, che sommerge prima lui, poi Downing Street e tutti i presenti.

“Ogni giorno il Regno Unito spedisce 1.800 tonnellate di rifiuti in plastica, ovvero 688.000 tonnellate all’anno in altri Paesi nel sud-est del mondo, primi fra tutti Turchia e Malesia, causando un’emergenza sanitaria per la popolazione locale e inquinando gli oceani”, spiega poi una voce fuori campo.

Authors

Post relazionati

Alto