Vaccini, ok al richiamo con Astrazeneca per gli under 60

Gli under 60 che hanno ricevuto la prima dose con Astrazeneca faranno il richiamo con lo stesso siero. Lo ha confermato il direttore della prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, spiegando che riguardo al vaccino di Oxford “per ora non cambia nulla e non sono state prese decisioni diverse rispetto alle ultime settimane e rispetto al pronunciamento Ema”.

 

Vaxzevria, questo il nome commerciale del prodotto, è indicato attualmente solo per le persone con più di 60 anni. La decisione è stata presa a campagna vaccinale già iniziata, dopo la registrazione di alcuni eventi rari di trombosi cerebrale probabilmente collegati al siero di Oxford. Di qui i dubbi legati al richiamo per chi aveva già ricevuto il vaccino Astrazeneca, pur essendo nella fascia di età per cui questo era sconsigliato.

 

Dopo una valutazione dei dati scientifici il ministero ha deciso però che non ci sarà nessuna inversione di marcia sulla seconda dose. “Non ci sono evidenze di eventi avversi”, ha detto Rezza. Chi ha già ricevuto Vaxzevria si sottoporrà al richiamo con lo stesso prodotto, contrariamente a quanto avviene in Germania, dove per la seconda dose agli under 60 vaccinati con Astrazeneca si è deciso di utilizzare vaccini a Rna virale.

 

Nel frattempo, Pfizer/BioNTech ha fatto sapere di aver chiesto all’Agenzia europea per il farmaco l’autorizzazione per estendere l’utilizzo del suo vaccino contro il Covid-19 anche ai ragazzi fa i 12 e i 15 anni, come già accaduto per gli Stati Uniti nelle scorse settimane.

Authors

Post relazionati

Alto