Yuka, la app che svela gli ingredienti sgraditi in alimenti e cosmetici

app Yuka

Nello slalom necessario per evitare ingredienti sgraditi in alimenti confezionati e cosmetici è di grande aiuto la app Yuka.

L’applicazione per smartphone è stata creata nel 2017 da un team francese. È stata scaricata da 20 milioni di persone in 11 paesi ed disponibile – gratuitamente – anche in Italia.

Come funziona la app Yuka

Il funzionamento è molto semplice. Dopo avere installato sul telefono la app (l’icona è una carota), basta scansionare il codice a barre impresso sull’etichetta del prodotto per visualizzare immediatamente un punteggio da scarso a eccellente.

I parametri del giudizio

Il giudizio complessivo dei prodotti alimentari si compone di diversi parametri. L’analisi del profilo nutrizionale, secondo i criteri del sistema francese NutriScore, evidenzia l’eventuale eccesso di calorie, grassi, zucchero, sale.

La chimica negli alimenti

Vengono inoltre segnalati gli eventuali additivi indesiderati: coloranti, conservanti, emulsionanti, ecc., che la letteratura scientifica giudica negativamente o con sospetto. Per ciascuna criticità è indicato lo studio che ne ha dato evidenza.

Gli alimenti di agricoltura biologica, infine, sono ‘premiati’ con l’attribuzione automatica di 10 punti.

Le alternative salutari

Di grande utilità è la indicazione di prodotti alternativi a quello con giudizio negativo. Se alla scansione del codice a barre il biscotto X è giudicato mediocre, la app Yuka indica gli altri biscotti con giudizio migliore presenti a scaffale.

Una bussola per i cosmetici

Se le etichette alimentari sono talvolta complesse, quelle dei cosmetici sembrano comprensibili solo ai chimici esperti. Nell’elenco degli ingredienti (INCI) abbondano i nomi botanici in latino e le oscure sigle di denominazione delle sostanze chimiche.

Anche in questo caso, ‘letto’ il codice a barre presente sulla confezione, Yuka emette un giudizio istantaneo, segnando l’eventuale presenza di molecole sconvenienti e le alternative al prodotto bocciato.

App Yuka, un database in crescita

Il database Yuka degli alimenti e i cosmetici venduti in Italia è in continuo aggiornamento. A implementarlo provvede un team incaricato dai fondatori della app. Ad affiancarlo sono gli utenti dell’applicazione, invitati a inserire i dati dei prodotti non ancora classificati.

All’installazione della app (da App Store o Google Play) è necessario inserire nome e recapito telefonico. I dati, garantiscono i proprietari di Yuka, non vengono ceduti a terzi, né analizzati. Sono però recuperati per estromettere dalla community gli eventuali furbetti che tentino di alterare l’obiettività del sistema. Chi inserisce dati fasulli è escluso per sempre.

Authors
Alto