Addio a Megalizzi, Mattarella e Conte in Duomo a Trento

Trento piange Antonio Megalizzi, il giornalista di 29 anni morto nell’attentato di Strasburgo dello scorso 11 dicembre. Dopo la camera ardente allestita nella chiesa di Cristo Re, nel quartiere dove Antonio viveva con la famiglia, oggi si tengono i funerali nella cattedrale di Piazza Duomo. Funerali ai quali parteciperanno il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del consiglio Giuseppe Conte e il ministro per i Rapporti con il parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro.

Lutto in tutto il Paese

Inoltre, su decisione di Palazzo Chigi, in tutta Italia saranno esposte a mezz’asta le bandiere italiana ed europea sugli edifici pubblici in segno di lutto. Trento in lutto cittadino, come ha voluto il sindaco Alessandro Andreatta. In segno di rispetto, durante la cerimonia sono chiusi anche i mercatini di Natale. Inoltre sono state sospese temporaneamente tutte le attività di somministrazione e gli eventi musicali e non in programma.

Presenti Tajani e Biancofiore

Alla cerimonia partecipa il presidente del parlamento europeo, Antonio Tajani, che ha annunciato la sua partecipazione assieme alla parlamentare di Forza Italia, Michaela Biancofiore, strettamente legata alla famiglia della vittima dell’attacco terroristico di Strasburgo, come anche alla fidanzata Luana Moresco.

Il cordoglio di Fico

Alla famiglia di Antonio Megalizzi è giunta dal presidente, Roberto Fico, “la vicinanza di tutta la Camera e senza dubbio un appoggio in pieno al progetto di radio collegate delle Università come da proposta del rettore di Trento. Si potrebbe pensare a una radio europea sui temi di cui Antonio Megalizzi era competente”.

Megalizzi: Mattarella accoglie la salma, i funerali di Trento slittano di qualche giorno, le notizie del 19 dicembre 2018

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha accolto ieri  all’aeroporto di Ciampino la salma del reporter ventinovenne Antonio Megalizzi, il nostro connazionale che è tra le cinque vittime della strage di Strasburgo dell’11 dicembre quando il terrorista dell’Isis Cherif Chekatt – poi ucciso dalla polizia francese – ha fatto fuoco seminando morte e terrore al mercatino di Natale.A ricevere il feretro, avvolto dal tricolore e riportato in Italia da un volo di Stato partito da Strasburgo sul quale hanno viaggiato anche Domenico Megalizzi, padre del giovane, e Luana Moresco, la sua fidanzata – accorsi a Strasburgo al capezzale di Antonio – c’erano anche il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro e il presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti.

Dopo l’effettuazione della tac disposta dalla pm Tiziana Cugini della Procura di Roma che ha aperto un fascicolo, il feretro di Antonio con l’assistenza dell’unità di crisi della Farnesina arriverà a Verona sullo stesso aereo che lo ha riportato in Italia.Fino a Trento con una staffetta della poliziaSarà scortato fino a Trento da una staffetta della polizia. Qui, molto probabilmente giovedì, ma forse anche venerdì, si terranno i funerali nella cattedrale. Nelle chiesa del Cristo re, intanto, nel quartiere dove il reporter è cresciuto, la città si è già raccolta in preghiera per stare vicino alla famiglia Megalizzi: la mamma di Antonio è catechista e la sorella Federica canta nel coro della messa.

La camera ardente nella chiesa del Cristo re

L’arcivescovo Lauro Tisi accoglierà la bara che sarà portata subito nella chiesa parrocchiale che rimarrà sempre aperta per la camera ardente fino al giorno delle esequie per consentire a tutti di aver modo di porgere un ultimo saluto.

Autopsia a Strasburgo

Sarà effettuata oggi, lunedì 17 dicembre, l’autopsia sulla salma di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista deceduto dopo essere stato vittima dell’attentato a Strasburgo. Si tratterebbe di un ulteriore accertamento, deciso dalle autorità francesi, poi è atteso il nulla osta per il rimpatrio della salma in Italia.
I funerali invece saranno celebrati in Duomo dal vescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi mercoledì o giovedì. A Strasburgo restano per il momento la mamma Annamaria e la fidanzata Luana Moresco (con Antonio nella foto).

Attonita la città di Trento

La scomparsa di Antonio Megalizzi ha lasciato attonita un’intera città di Trento che si interroga sulla brutalità dell’assassinio e si riconosce nei valori e nelle azioni portate avanti da Antonio nella sua breve vita”, lo scrive il Comune di Trento in una nota.

Sarà proclamato il lutto cittadino

“Per onorarlo, nel giorno delle esequie il sindaco proclamerà il lutto cittadino, un’adesione simbolica ma importante per condannare con forza la brutalità e l’inutilità delle azioni terroristiche e ribadire che Trento è una città nell’Europa e protagonista, da sempre, nel costante sostegno all’unità europea. Da oggi le bandire di Palazzo Thun sono a mezz’asta”, conclude la nota.

Le parole di Antonio Tajani: “Ci eravamo incontrati più volte”

“Antonio Megalizzi era un giovane bravo giornalista e il suo sogno era di spiegare e far capire che l’Europa è qualcosa di positivo e non negativo”: a dirlo, ad Assisi, è stato il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. “Lo conoscevo bene – ha sottolineato Tajani – in quanto spesso veniva a Strasburgo e a Bruxelles, più volte ci eravamo incontrati. Antonio, così come la sua fidanzata, era un bravo italiano e un buon europeo”.

“Quanto accaduto a Strasburgo deve farci riflettere perché è un attacco di odio forte contro l’Europa, la convivenza civile, contro la nostra democrazia”: lo ha detto, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ad Assisi per assistere alla registrazione del 33/o concerto di Natale che si tiene nella Basilica Superiore di San Francesco. Da dove ha rivolto un pensiero ad Antonio Megalizzi e alle altre vittime dell’attacco.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto