Rivoluzione in serie A, entra il fondo Cvc-Advent-Fsi con 1,7 miliardi ai club

La Serie A, nel momento più difficile, fa squadra. Approvata all’unanimità, durante l’assemblea di Lega svoltasi a Roma, l’offerta da 1,7 miliardi di euro del fondo Cvc-Advent-Fsi per il 10% della media company creata per gestire e commercializzare i diritti televisivi della Serie A.

Una vera e propria rivoluzione, con l’obbiettivo di migliorare il prodotto del massimo campionato italiano (e i guadagni).

Dal Pino, però, è stato chiaro: “Importantissimo aver raggiunto l’accordo, ma l’intesa ora va conclusa e non c’è ancora un impegno vincolante di alcun tipo”. Soprattutto, di qui alla firma dell’accordo, ci sarà da stabilire come dividere e in quanto tempo il tesoretto prezioso tra i club, vero nodo e fonte di possibili nuove liti.

 

Club soddisfatti

La soddisfazione è comunque tanta soprattutto perché l’approvazione all’unanimità era tutt’altro che scontata. È arrivata al fotofinish e grazie al lavoro del comitato composto dall’AD della Lega Luigi De Siervo e formato da Agnelli, Fenucci, Fienga, De Laurentiis e Campoccia. Quest’ultimo inserito per dare voce anche alle società contrarie o perplesse (Lazio, Atalanta, Napoli, Udinese e Verona) e convincerle, com’è successo, ad accettare la proposta del fondo.

 

Un voto unanime inatteso

Un lavoro che negli ultimi 35 giorni è stato svolto dal comitato in modo collegiale e che è sfociato con il voto all’unanimità nell’assemblea di ieri, svolta in un clima di serenità. “Abbiamo inventato un modello di business, ci abbiamo creduto tutti insieme e siamo arrivati a fare qualcosa di unico, in un contesto molto complicato – ha aggiunto Dal Pino -. Ringrazio tutti i presidenti e i fondi di private equity che credono nella nostra industria e sono disposti a investire 1 miliardo e 700 milioni”. Offerta definitiva che, solo nella notte di trattative antecedente all’assemblea, è cresciuta di 50 milioni con Cvc-Advent-Fsi che inizialmente avevano messo sul piatto 1 miliardo e 650 milioni.

 

La pandemia che uccide anche il calcio

Si tratta di un primo passo anche per provare a uscire da una situazione pandemica che sta uccidendo il calcio è stato fatto. Ora le prossime assemblee serviranno per decidere come distribuire le risorse e che tipo di governance creare.

Ai fondi dovrebbe andare il 50% della rappresentanza in Consiglio oltre all’amministratore delegato: tra le indiscrezioni è possibile che sia uno tra Tebas, Scudamore Mockrigde, ai quali non è escluso che venga aggiunto l’attuale AD della Lega.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto