Spesa più cara: dal 1° gennaio si pagano i sacchetti per frutta e verdura

Diventano a pagamento anche i sacchetti di plastica leggeri usati per imbustare al supermercato frutta e verdura sfusa, ma anche carne, pesce, gastronomia e prodotti di panetteria. Il costo di ogni involucro, che dovrà essere biodegradabile e compostabile, a partire dal 1° gennaio 2018, non è ancora stato comunicati, ma secondo le prime indiscrezioni andrà dai 2 ai 10 centesimi, tanto quanto i sacchetti per la spesa che si trovano alle csse.

Multe da 2.500 fino a 100.000 euro

La novità arriva dalla legge di conversione del decreto Mezzogiorno che ha avuto il via libera lo scorso agosto. Gli esercizi commerciali che trasgrediscono incorreranno in sanzioni: da 2.500 fino a 100.000 euro se la violazione del divieto riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica oppure se il valore delle buste fuori legge è superiore al 10% del fatturato del punto vendita.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto