Bellaria: si suicida in ufficio ispettore della municipale accusato di assenteismo

Doveva presentarsi davanti ai magistrati di Rimini insieme al proprio avvocato. Ma l’ispettore della municipale di Bellaria, Attilio Sebastiani, si è ucciso nel suo ufficio. L’uomo, dopo un’inchiesta della guardia di finanza, era stato indagato per abuso d’ufficio per una vicenda di assenteismo.

Inutili le ricerche

Quando il pubblico ufficiale non è comparso nella mattinata di ieri, giovedì 19 ottobre, davanti al gip di Rimini che doveva decidere sulla sua sospensione, i colleghi hanno iniziato a telefonargli inutilmente e a cercarlo. Secondo quanto si è appreso, si era seduto alla sua scrivania e poi si è sparato con la pistola d’ordinanza. L’impatto è stato così violento che il corpo è stato rovesciato a terra.

Lo strazio dei colleghi

Sono in corso accertamenti e non è ancora chiaro se Sebastiani abbia lasciato un messaggio d’addio. Le indagini sono affidate ai carabinieri e tra i colleghi, sotto choc, continua a girare la stessa domanda: “Perché non ci ha chiesto aiuto, lo avremmo aiutato”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto