L’Autorità dell’energia: subito i rimborsi per le bollette anomale della luce

Sarà garantito in modo automatico il rimborso in bolletta degli importi che verranno recuperati con l’attività di indagine dell’Autorità dell’energia sulla vicenda delle condotte anomale tenute dagli operatori nei mercati all’ingrosso dell’elettricità, in particolare nel mercato del dispacciamento.

È questa la decisione, favorevole ai consumatori, dell’ente regolatore, aggiungendo che ciò avverrà qualunque sarà l’esito delle decisioni della giustizia amministrativa. I rimborsi “verranno riconosciuti immediatamente ai consumatori nella prima bolletta utile”.

 a-bolletta

Le notizie del 4 luglio 2016

Tornano a crescere le bollette, anche se resta comunque ancora un risparmio di oltre 70 euro. Lo comunica l’Autorità per l’energia. “Dopo i ribassi nei primi due trimestri dell’anno, dal prossimo primo luglio saranno in crescita le bollette dell’energia nel terzo trimestre 2016. Per la famiglia-tipo, la bolletta dell’elettricità registrerà un aumento del 4,3%, mentre per il gas l’aggiustamento sarà dell’1,9%. Nonostante l’adeguamento, il risparmio complessivo nei 12 mesi dell’anno “scorrevole” – continua il comunicato dell’Autorità, che insiste sull’ottimismo – rimane di oltre 70 euro.

aa-bollettaelettirca

Le aziende rischiano sanzioni

Sanzioni in vista da parte dell’Autorità per l’energia a causa dei rincari dell’aumento delle bollette che, dal 1° luglio scorso, fanno registrare un aumento del 4,3%. Perché? Negli ultimi mesi, i fornitori hanno ridotto la quantità di energia sul mercato a fronte di un balzo verso l’alto dei costi di Terna, la società che gestisce la rete.

Aumenti scaricati sui consumatori

Queste movimentazioni sono state scaricate sui consumatori e il sospetto è che le aziende elettriche hanno raggiunto un accordo tale per cui i prezzi lievitano nonostante le perdite delle centrali. A questo proposito, l’Autorità parla di “strategie anomale adottate dai diversi operatori sul mercato all’ingrosso dell’energia elettrica, sia in sede di programmazione di immissione e prelievi, sia in sede di offerta di servizi di dispacciamento”.

“Stop alle condotte anomale”

Strategie che avrebbero provocato “un rilevante aggravio di costi per il sistema e ad una alterazione del normale meccanismo di formazione dei prezzi nei mercati”. Ecco così spiegato, secondo l’Autority, l’aumento dei costi del 4,3%. Per questo è partito “un procedimento intimando la cessazione immediata delle condotte anomale ancora in corso”.

Elettricità: 503 euro per la “famiglia tipo”

Per l’elettricità, la spesa per la famiglia-tipo nei 12 mesi compreso il periodo oggetto dell’aggiornamento sarà di circa 503 euro, con un calo del -0,6% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un risparmio di circa 3 euro.

 

Per il gas 1.068 euro

Per il gas la spesa della famiglia tipo nello stesso periodo sarà di 1.068 euro, con una riduzione del -5,9%, corrispondente a un risparmio di 67 euro.
Nel terzo trimestre, la dinamica del prezzo dell’energia elettrica – spiega l’Authority – è sostanzialmente dovuta all’incremento della componente di approvvigionamento, che risente in parte delle stime riviste al rialzo per i costi di acquisto della materia prima nel secondo semestre dell’anno, ma soprattutto della significativa crescita dei costi di dispacciamento, cioè dei costi sostenuti dal Gestore della rete (Terna) per il mantenimento in equilibrio del sistema elettrico.

Sostanzialmente stabili i costi generali
Sostanzialmente stabili i costi per la copertura degli oneri generali di sistema.

Infine – sempre secondo l’Autorità – “la variazione nel gas, dopo le forti riduzioni dei primi due trimestri dell’anno, è legata ad una leggera crescita della componente ‘materia prima’, dovuta all’aumento delle quotazioni gas attese nei mercati all’ingrosso nel prossimo trimestre, e ad un limitato adeguamento della componente di distribuzione e misura nella parte a copertura degli interventi per il risparmio energetico e lo sviluppo delle rinnovabili nel settore gas”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto