È morta Rossana Rossanda, fondatrice del Manifesto

È morta, nella notte scorsa a Roma, Rossana Rossanda, una delle ispiratrici di storiche battaglie della sinistra italiana.

Aveva 96 anni. Il quotidiano il Manifesto annuncia che dedicherà alla fondatrice il giornale in edicola martedì.

Rossana Rossanda, giornalista e scrittrice, memoria storica dell’Italia del Dopoguerra, era nata a Pola nel 1924. Allieva di Antonio Banfi, antifascista, partecipò alla Resistenza. È stata dirigente del Partito Comunista Italiano negli anni Cinquanta e Sessanta, fino ad essere nominata da Palmiro Togliatti responsabile della politica culturale del Pci.

 

Nel 1969 al Manifesto

L’esigenza di elaborare la crisi del socialismo reale, sull’onda dei movimenti studentesco e operaio, la conduce a fondare nel 1969 il gruppo politico e la rivista ‘il Manifesto’, quotidiano dal ’71, insieme a Luigi Pintor, Valentino Parlato, Lucio Magri e Luciana Castellina. Le posizioni assunte dal giornale in contrasto con la linea maggioritaria del Partito, in particolare sull’invasione sovietica della Cecoslovacchia, nel 1969 determinano la radiazione della Rossanda e di altri del gruppo dal Pci.

Dopo essere stata direttrice del ‘Manifesto’, continua la riflessione e il dialogo sui movimenti operai e femministi, e si dedica soprattutto alla letteratura e al giornalismo attraverso varie pubblicazioni tra cui, nel 1979, Le altre. Conversazioni sulle parole della politica (Feltrinelli); nel 1981 Un viaggio inutile (Einaudi); nel 1987 Anche per me. Donna, persona, memoria, dal 1973 al 1986 (Feltrinelli); nel 1996 La vita breve.
Morte, resurrezione, immortalità. Nel 2005 esce per Einaudi La ragazza del secolo scorso, autobiografia tra storia e memoria.

Ormai viveva col marito a Parigi

Da alcuni anni viveva a Parigi, con K. S. Karol, suo compagno da lungo tempo e attuale marito, e osservava l’Italia dalla “giusta distanza”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto