Barcellona: era in Europa con una vacanza organizzata, la nonna italo-argentina

Era stata battezzata a Sasso di Castalda, in provincia di Potenza, col nome di Carmela, ma ormai tutti la chiamavano Carmen, visto che da quando aveva 12 anni viveva in Argentina.
È lei la “nonna italiana” tra le vittime dell’attentato di Barcellona.

Carmen Lopardo, ottantenne residente a Buenos Aires da decenni, ribattezzata dai giornali argentini ‘l’abuela italiana’, è tra i turisti uccisi dalla furia dei terroristi sulla Rambla.

A rendere noto per primi che nella strage della capitale catalana era morta anche lei sono stati proprio i media argentini.

Poi la conferma è arrivata nella notte dal ministero degli esteri di Buenos Aires.

Un viaggio durante l’inverno argentino

Carmen era originaria di Sasso di Castalda, un piccolo paese in provincia di Potenza, ma viveva in Argentina ormai da 60 anni. E come fanno tanti argentini in questo periodo dell’anno, nel pieno inverno di Buenos Aires, aveva deciso di venire in vacanza in Europa.

Era vedova, è partita con un viaggio organizzato

Rimasta sola dopo la morte del marito, aveva scelto un viaggio organizzato in Spagna, con un’inevitabile tappa a Barcellona.

Il Ministro degli Esteri Angelino Alfano ha telefonato ai figli di Carmen per esprimere il proprio cordoglio. “In questo tragico momento – ha detto il ministro – mi unisco al dolore della famiglia della connazionale Carmen Lopardo, deceduta a seguito del vile attacco terroristico di Barcellona”.

Era nata nel luglio del 1937

Carmen era nata il 16 luglio del 1937, e aveva appena 12 anni quando nel 1950 con la sua famiglia aveva lasciato Sasso di Castalda per trasferirsi in Argentina. Col passare degli anni in realtà a Sasso di Castalda non è rimasto più nessuno dei suoi familiari.

Viveva nella Buenos Aires “italiana”

La “nonna italiana” viveva nella popolosa zona ovest di Buenos Aires, nell’area di Caseros e 3 de Febrero, in uno dei tanti quartieri della capitale dove la comunità italiana è molto presente, in particolare quella lucana: sono circa 60.000, tra immigranti e discendenti, in tutta l’Argentina. Si tratta di zone dove i vincoli con regioni quali appunto la Basilicata o la Calabria non si sono mai persi. E che oggi sono in lutto nel ricordo di Carmen.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto